Friday, November 27, 2009

La pappa buona che non fa ingrassare

Mi è capitato più volte di leggere ricette light che però si vantavano di essere gustosissime… parliamoci chiaro: o non erano veramente light (e io sono molto severa e rigorosa quando intendo ‘light’), o non sapevano di niente. Non so cosa darei per riuscire davvero a creare la versione light di ogni ricetta, senza una percepibile differenza. Eh eh lo so… è impossibile. Una parmigiana in cui le melanzane non sono fritte ma grigliate, una pasta al forno senza besciamella, una torta di soli albumi e senza burro… magari non sono male, magari saranno pure buone, ma non saranno mai come il loro originale. Però… sì, c’è un però…, può capitare di trovare una ricetta, di farla per caso, di trovarla gustosa, ma così gustosa da non pensare nemmeno che possa essere light e invece poi ci si pensi e, toh!!! è light!!! Ma light davvero, perdindirindina!!!

La ricetta che propongo oggi è in assoluto uno dei miei piatti preferiti: quando sono a dieta (anche rigorosa), se mi cucino questo mi alzo da tavola soddisfatta come dopo chissà quale piatto. L’avevo già proposto tempo fa in versione croccante con l'orzo, lo ripropongo, perché secondo me ne vale la pena, e visto che, (buffo ma vero), qui in Cina mi è riuscito persino meglio.



Pappa di riso e cereali filante al pomodoro e melanzane

P1000521

Ingredienti per 1-2 persone:

1/2 melanzana
2-3 pelati +un po’ del loro succo
80 g di riso misto a farro/orzo/grano (potete anche usare solo una di queste qualità. Usando i cereali verrà un piatto più croccante, aggiungendo il riso sarà più una… ‘pappa’)
1/4 di cipolla

basilico
2-3 fettine di Galbanino (facoltativo)

sale
1 cucchiaino d’olio (facoltativo)

Come prima cosa tagliate a cubetti la melanzana dopo averla lavata, e fatela grigliare in una padella, girando i cubetti per non farli bruciacchiare. Quando saranno pronti metteteli in una ciotola.

P1000505


Nella stessa padellina ancora calda mettete il cucchiaino d’olio, poi versate i pelati tritati e la cipolla affettata sottilmente, aggiungete il sughetto, salate e lasciate cuocere, coperto e a fiamma bassa, mescolando spesso. Se avete il basilico fresco lo consiglio vivamente.

P1000506

Intanto mettete a bollire il riso in abbondante acqua leggermente salata.
Quando il sugo sarà pronto spegnete e lasciatelo aspettare fino a un minuto prima di scolare il riso.


P1000507

Allora aggiungete le melanzane al sugo e riaccendete a fiamma bassissima, poi il riso scolato, e mescolate, fino a che tutto diventerà di un bel rosso.


P1000508

P1000509


Allora aggiungete il Galbanino tagliato a cubettini, lasciate che si sciolga un pochino poi mescolate bene.

P1000510


P1000513

Servite con basilico tagliato a pezzetti.

P1000519

E’ una vera bontà.


Proseguendo la telenovela Sako-Gaijina, lunedì ero di pessimo umore. Poi la sera mi ha chiamata, tutto gentile, per chiedermi perché non ero andata in palestra, per ringraziarmi di nuovo della pizza, per dirmi che era buona e per chiedermi quando sarei andata a cucinare di nuovo. Gli ho chiesto “Tu quando parti?”
”Non so se vado a Shanghai, forse sto qui”
”Allora se stai qui facciamo il prossimo weekend, se invece parti facciamo il prossimo weekend che sarai qui”
”Ah ma tanto ci sarò, non voglio andare a Shanghai”
”Ok, no problem”
”Maaa… quand’è che ti trasferisci a vivere qui?”
”Ahahahah non lo so! In ogni caso avrei bisogno di tutta la mia roba per cucinare”
”Non c’è problema, porti tutta la tua roba qui!”
”Il prossimo mese prendo il forno così poi posso cucinare quando voglio!”
”Non prenderlo il forno, non prenderlo! Se no poi non vieni più”
A me è bastata questa telefonata per cambiare umore da così a così. Stupida Gaijina.
Martedì mi ha scritto un messaggio per chiedermi se andavo in palestra.
Mercoledì mi ha chiesto come stavo e se avevo bisogno di qualcosa (ero raffreddata), mi ha chiesto se avrei lavorato il giorno dopo (poi capirete il perché) e alla fine ci siamo visti al Qbar, alla ladies’ night, dove si è comportato bene, nel senso non ha fatto lo scemo con altre ed è stato sempre con me. Però poi ognuno è tornato a casa sua :(.
Durante la serata mi ha detto che il giorno dopo sarebbe andato a prendere la macchina, ed era eccitato come un bambino!
Giovedì…….. gli ho chiesto com’era la macchina e se era felice, e lui mi ha detto di sì, ma che aveva di nuovo problemi di stomaco quindi sarebbe andato a mangiare la zuppa di riso alle 7, in un posto specializzato in mille tipi diversi di zuppe. Mi ha detto che sarebbe venuto a prendermi alle 7 e che saremmo andati là.
Lo so, lo so, non era un appuntamento e probabilmente ci sarebbe stato anche Jack, e sapevo benissimo che era un modo per usare la macchina, e che non c’era nulla di romantico in tutto ciò, ma io mi sentivo eccitata come a un appuntamento!! Con Sako alla fine di appuntamenti ne ho avuto solo uno, la sera sul suo balcone con le candele, la sera in cui tutta Qingdao sapeva che eravamo insieme perché dalla via dei locali guardavi in alto e vedevi le nostre sagome sedute fuori al 16° piano, con la bottiglia di vino e la candela. Quindi per me era comunque una novità.
Per fortuna che ho molti amici maschi e quindi conosco abbastanza bene il cervello maschile, perché alle 6.10 mi ha chiesto se ero pronta e che stava partendo! A volte è proprio un bambino, che non può aspettare di giocare col giocattolo nuovo!! Io comunque ero pronta quindi è passato a prendervi. Era solo!! Pure vestito bene! Mi ha fatto fare un giro, poi siamo andati a prendere Hovig per accompagnarlo all’incontro di calcio, poi siamo andati in questo ristorante… Un posto immenso, enorme, pieno di roba da mangiare!!! Mi è sembrata una vera bestemmia andare lì per mangiare solo una misera zuppa di riso… Ma visto che dopo l’acquisto della macchina anche lui si dovrà dare una calmata (ecco perché non va a Shanghai), e che eravamo lì per mangiare la zuppa, mi sono adattata ripromettendomi di tornarci!
Poi siamo andati da lui, ed è stato molto carino. Ogni tanto mi accorgo che io con Sako non parlo molto. A parte che ultimamente non siamo mai da soli, ma poi quando capita parliamo di stupidate, in genere si scherza e si ride, ma nient’altro. Invece quella sera abbiamo parlato un sacco, delle nostre culture, delle nostre famiglie, di come siano cambiate le cose negli ultimi anni, di come si siano persi i valori e le tradizioni, almeno in Europa. Mi diceva che il motivo per cui suo padre è tanto preoccupato che lui sposi una ragazza europea è proprio che sa come le cose stiamo degenerando, di come le ragazze europee di oggi non rispettino il compagno e non si dedichino alla famiglia e poi prendano e se ne vadano. Gli ho raccontato di me e dell’educazione che ho ricevuto, molto severa, da mio padre, e che anche se da bambina è stata dura, adesso sono contenta di essere come sono, perché so stare a tavola in maniera corretta, sono educata e so fare le cose che una donna deve saper fare. Ma che in Italia non tutti sono così, ho tante amiche che (scusate il termine) sono delle vere troiette viziate, che in casa non fanno una mazza e non sanno manco cucinarsi un uovo sodo. Che rispondono ai genitori, che portano a casa un fidanzato a settimana e i genitori permettono che dormano insieme in casa loro (da me, piuttosto la morte!). Lui mi ha detto che in Libano questo non esiste… In famiglia c’è il rispetto assoluto, le figlie sanno fare tutto in casa, l’uomo si occupa di lavorare e la moglie non è tenuta a fare un altro lavoro, ma non perché debba essere dipendente dal marito, ma perché fare la mamma e la moglie è considerato un lavoro vero e proprio, quindi mica può farne due!!! Quindi se la donna vuole lavorare lavora, ma allora si prenderà un aiuto in casa, una donna delle pulizie. Io pensavo che per certe cose la cultura libanese mi piace, voglio dire… non è poi così diversa dalla mia. Mi piace che ad esempio lui mi abbia assolutamente impedito di far sedere Hovig davanti, in macchina. Mi ha detto che nella loro cultura non esiste che, se c’è una ragazza in macchina, lei stia dietro. Io mi ero offerta pensando di fare cosa gradita, perché tra i miei amici se la ragazza va dietro e lascia il posto davanti ai ragazzi è wow, cool! Invece… Cioè, sembra quasi una contraddizione, laddove per certi aspetti la donna è com’era da noi negli anni ‘50, per altri non è affatto sminuito il suo valore… anzi!! Sako non smette mai di dire quanto sua madre e sua nonna siano fantastiche, perché tutto il giorno cucinano e puliscono, come instancabili, e come siano state perfette a condurre una famiglia. Mi ha detto che in Libano non esiste che uno dei due coniugi metta le corna all’altro… mai. Assolutamente. Ma non perché lo nasconda bene o cosa, ma perché proprio nessuno, neanche il peggiore dei peggiori, farebbe mai una cosa simile. Per questo lui adesso è così… perché quando si sposerà esisterà solo lei, e sarà la donna più fortunata sulla terra. Dice che l’uomo è tenuto a comprare una casa e una macchina e a provvedere alla famiglia, altrimenti che uomo è? Poi gli ho detto che io amo i bambini, ma sono preoccupatissima di crescerli al tempo d’oggi… Perché potrò educarli bene quanto vuoi, ma appena metteranno piede all’asilo, entreranno nella società, saranno influenzati dagli altri bambini, che hanno il cellulare alle elementari, che rispondono male ai genitori, che vanno alla scuola media vestite e truccate volgarmente, che restano incinte a 13 anni e che in casa non sanno fare un’emerita mazza!
Insomma… tanti bei discorsi, interessanti e vari. Poi è arrivato Jack, ci siam messi a guardare un film, e Sako si è di nuovo addormentato abbarbicato a me, come un bambino. Mi sento più una mamma per lui, più che una qualsiasi sorta di ragazza o compagna. Ma va beh, inutile dire che a me va bene così, vero?
Ieri sera non si è fatto sentire, e oggi finora nemmeno. Indovinate il mio umore com’è? Dico solo che stamattina ho pulito tutta casa, e che ieri sera l’ho passata mangiando tutto quello che c’era. Zucca al forno, poi latte con un pacco di biscotti al cioccolato, poi mezza confezione di datteri, poi ho finito le arachidi, poi una scodella di porridge con mezzo vasetto di marmellata. Infatti adesso è la mezza e ancora non ho mangiato niente! Vado, va’… ve faccio sapè!

12 comments:

  1. Ricetta molto interessante, se poi mi dici che è anche buona e light...;;)
    Leggo sempre con piacere le tue avventure (anche se passo da te troppo poco spesso...), credo che la tua scelta di andare a vivere così tanto lontana da casa tua per mettere in pratica le conoscenze linguistiche studiate all'niversità ti faccia davvero onore...insomma, dal momeno che anche io studio lingue, spero un giorno di provare esperienze simili alla tua!
    Un bacione!!

    ReplyDelete
  2. Carissima, quanto è bello essere innamonati, è un'altalena di sentimenti e di umori. Ma è giusto così, almeno per un pò. Altrimenti che sfizio ci sarebbe. Le cose o persone conquistate facilmente non hanno lo stesso valore. Seguo volentieri la tua love story. Ciao, Tina

    ReplyDelete
  3. hey! io ho due bimbi piccoli, ed è vero, per quanto ti sforzi nell'educazione, la società che ti circonda è cambiata talmente tanto che non è più facile.... affatto. Cioè un tempo la società era vigile, i valori base comuni e trovavi molti più alleati. Però posso dirti che è una bella sfida e ti garantisco che se il tuo lavoro lo fai, non c'è dubbio che si vede!;)
    In bocca al lupo con sako e complimenti per la ricetta anche se tra formaggio e cereali proprio light light non è! ;)

    ReplyDelete
  4. Questa me la segno, io sono sempre a dieta..perché non riesco mai a dimagrire!

    ReplyDelete
  5. E' stato bello passare di qua e conoscere un po' di te e del tuo mondo. Ho fatto un giretto nelle tue ricette ma c'è da perdersi, da oggi ti seguo, ti aggiungo nello scambio link del mio blog e anche nei miei blog preferiti. Grazie dell'ospitalità, la musica è deliziosa come tutto il resto. A presto.

    ReplyDelete
  6. farro e orzo non li ho mai mangiati in vita mia, mi son sempre rifiutata, qui però sembrano buonissimi *-* vedrò di mettermi all'opera =)

    Avevo letto i tuoi due post precedenti ma non avevo commentato perchè il collegamento andava da schifo, stamattina quando ho letto questo lo stesso, ora ero in un sito che fa sfide fotografiche. Il tema di uno dei contest in cui stavo votando era: "From you window" e c'è una foto di una tipa, la cui didascalia dice: "E' la foto fatta da casa mia, al 14° piano a Rio, in Brasile. Non esco molto di casa in questi giorni, l'ascensore è rotto!".
    Facile il collegamento di pensieri, mi sei venuta subito in mente tu e mi son fiondata a commentare!
    Ma poi, l'ascensore lo hanno aggiustato? non riesco neanche minimamente ad immaginare cosa significhi farsi 16 piani a piedi(e credimi, la cosa mi ha segnata!). Una volta a parigi presa dall'ansia dell'ascensore mi feci 9 piani a piedi (ma in discesa) e sembravano non finire più, ogni piano era inesorabilmente uguale all'altro, stavo per sentirmi male, rimpiansi di non aver preso l'ascensore =)

    Cmq G., ho solo una cosa da "rimproverarti": non so se è stato lui a dirti che non va a Shanghai per via dei soldi, ma se così non fosse e quindi l'hai scritto tu per "minimizzare" (nel senso: ecco, il motivo sono i soldi, non altre storie) ecco, qui ti riprovero =)
    Spero tu abbia capito a cosa mi riferisco.

    Io avrei tanta voglia di scappare. Ho preso un altro volo ieri (stavolta per parigi, a gennaio). Quasi quasi studio il cinese e scappo in cina anche io =)
    Al momento il fatto di poter pensare a casa (nel senso: l'italia, non proprio casa mia) come il posto più lontano che ci sia mi farebbe bene!
    Bacione!

    ReplyDelete
  7. Ricetta davvero saporita e in piu'è poco calorica, bella idea complimenti.
    Ciao Daniela.

    ReplyDelete
  8. TINA : ciao tina, hai ragione, è quel che mi dico anch'io quando non ho nessun interesse in corso... non ho niente su cui disperarmi ma non ho neanche nulla per cui gioire !!! e quindi mi dico... che noia!! poi mi prendo di qualcuno, soffro da matti e mi dico che brutto!! insomma... non son mai contenta!! però la vita piatta non mi piace quindi mi sa tanto che la preferisco così... sali scendi, ma almneo non sei mai ferma!!

    GG: ti ringrazio cara, qui sei sempre la benvenuta! ti auguro di cuore di farti anche tu un'esperienza simile perché credmi, oltre ad essere utile per la lingua, ti dà tantissimo come persona... è una sfida contro te stessa e il mondo intero, qualcosa di grandissimo di cui avrai sempre un bellissimo ricordo!!

    FEDERICA: grazie cara, visto?? persino un piatto light può essere invitante evvai son riuscita nel mio intento!!! :)

    IANA: eheh lo so... è una bella sfida ma anche io la penso come te ed è quel che ripetevo sempre alla mamma della bambina che guardavo, preoccupata per l'asilo... se l'educazione base è buona, vedrai che anche se un po' d'influenza dagli altri sarà inevitabile, però tutto andrà per il meglio, vedrai! io mi son fatta nido, materna, elementari etc eppure mi son salvata! anche se i miei anni non erano come questi... insomma... il lavoro dei bravi genitori si è fatto più duro! ma, come si dice? quando il gioco si fa duro i duri iniziano a giocare!!

    beh il formaggio è facoltativo e cosa c'è che non va nei cereali??? io penso che in una dieta ci vogliano, se mangiati a pranzo!

    NIGHTY: segna segna, per me è un onore!! siam tutte a tentare la dieta allora, e pensare che arrivertà il natale!!!! ahahahahhha io quest'anno me lo salto mentre voi ingrassate tiéé!!! sighhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh che cosa tristissima!!!!

    CRI68: ma grazie a te di essere passata e di aver lasciato una traccia di te! ti ho aggiunta anch'io come vedi e sono contentissima di aver trovato un'altra amica blogger!! a presto!!!! (spero ;)!)

    DANIELA: grazie!! sono contentissima di essere riuscita a renderla appetitosa per gli occhi!!

    BLACKSNOW: ma che figoooooooo che commento lunghissimo, sembra una lettera!!!! sì l'hanno aggiustato ma ci hanno messo più di una settimana, da pazzi!!!! non oso immaginare la gente anziana o chi faceva la spesa, ma sembra che i vecchietti cinesi siano più in salute di me!!! fidati, a scendere è una passeggiata!!!! io me li son fatti, tutti e 16, alcuni pure al buio, carica di borse per cucinare!!!

    ehm....ti-ti-ti.... no, veramente non capisco per cosa mi 'rimproveri'.... se non va a shanghai è sicuramente per via dei soldi, per cos'altro se no? per star con me? che non mi ha chiamata venerdì sera e mi cerca solo quando c'è da cucinare? comunque no, non mi ha detto lui che è per i soldi, ma una volta ha detto che andare in macchina a shanghai gli costa quasi più che andarci in aereo, e che è in bancarotta dopo st'acquisto, quindi... se vai a shanghai vai e spendi, se lui non ne ha da spendere, che senso avrebbe andarci?? no?

    guarda, ti capisco benissimo: anche io adesso sto bene lontana da casa, anzi quando sono qui le cose coi miei vanno meglio, ci scriviamo tutti i giorni, mentre se fossi lì non avrei niente da dire... che figo, parigi! io non ci son mai stata....

    ReplyDelete
  9. Ohmmioddio, fosse stato per me Sako non mi avrebbe mai vista in casa sua per l'intera settimana =) Tu abiti ai piani alti? spero proprio di no!

    Il rimprovero era perchè mi sono immedesimata nella cosa, ti mando un mex e ti spiego :D

    Per me invece è la seconda vola a Parigi, il brutto però è che dopo una settimana sarò di nuovo qui. Un ragazza di cui seguo il blog vive a Tokio, è iscritta lì all'uni, ma sai quanto paga? 14.000 euro l'anno solo di retta! Mettici anche vitto e alloggio, più un viaggio ogni anno per venire a trovare i suoi qui, arriviamo a cifre spropositate.
    Perima o poi vincerò il mio milione, me lo sento =) ahah =)

    ReplyDelete
  10. Mmmm Ele che questo piatto possa essere light o no .... importa ben poco... perchè dalla foto prima lo mangerei e poi chiederei ... (nel senso che non me ne importerebbe, è trp trp trp invitante). Per il resto del post, tesoro, posso solo dirti che molta gente può dirti che sbagli a farti trattare così, che dovresti essere più dura, (qualche volta si)... io ti dico che 6 ancora giovane...chi rinuncia a seguire le proprie emozioni e i propri sentimenti anche soffrendo non vive a 360° e come cita un famoso poeta (Pablo Neruda)... "muore lentamente"... Vivi, vivi, vivi...quello che passa non torna più, la vita è tua, vivi le tu emozioni e rincorri i tuoi sogni (...sei giunta anche in Cina!!!!), chissà può anche darsi che Sako sia il tuo destino e che la strada sia questa, chissà... quante storie ci sono che son tutte amore amore cuci cuci e poi...e cmq senza scordarsi MAI di aver rispetto x se stessi! Ti abbraccio tesoro, e di una cosa sono sicura, non sei una stupida, sei fin troppo sincera e si percepisce da come scrivi... Ciao bellissima!

    ReplyDelete
  11. BLACKSNOW: io sono al 4 piano, e va benone!! stare in basso qui non va bene, non vedi niente, mangi polvere e arrivano tutte le puzze della strada (se abiti sulla strada).
    lo so bene quando costi in giappone, il gaijin è ancora là e per vivere adesso e mantenersi a studiare ha iniziato a fare il modello!! ci credereste??? giusto per capire che fisico ha.... maaaammma mia non fatemici pensare! però il giappone è bellissimo, non so cosa darei per andarci.
    messaggio ricevuto!! massì dai che qualche giorno è sempre meglio di niente e staccare serve sempre!! ok dai se vinci ci facciamo un viaggio insieme che io ho bisogno di una compagna avventurosa che mi sbrogli un po'!!

    MAGGYE: maggye sei troppo carina ogni volta che finisoc di leggere i tuoi commenti mi sento un gradino più in alto!! hai un effetto terapeutico, tipo... grazie mille, alla fine è quel che mi dico anch'io, che è inutile analizzare ogni comportamento, ho fatto bene, ho fatto male, dovrei fare così, la prossima volta mi comporto diversamente... è proprio inutile perché non si è più se stessi, no? e vivere le cose dopo aver analizzato come fare non sarebbe vivere a 360°.... o no? chissà chissà... chi vivrà vedrà!! ogni tanto devo solo rammentare che ho una dignità da mantenere!!

    ReplyDelete

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...