Thursday, March 31, 2011

Gateau di patate

Ebbene sì, l’avete indovinato!! Almeno, avete indovinato l’animale… Ebeh, cosa meglio di una talpa potrebbe descrivere la mia mezza cecità e la mia grande abilità nello scavarmi buchi sul divano (non sottoterra, questo almeno no)?
Però lui mi chiama ‘Talpitina’, o ‘Talpy’ quando giochiamo con l’Iphone.
Vi avevo anche accennato che avevo due novità!
Inizio con la prima, visto che accade la prossima settimana… Il 20 aprile è il mio 26esimo compleanno (sigh Crying face sigh Sad smile), e indovinate cosa mi regala il mio Professore? Il biglietto per il concerto di Bob Dylan a Shanghai l’8!!!!!
AAAAAAAAAAAAHAHAHAHHAHHHHHAHAHHAHAH!!! Ce ne andiamo per un lungo weekend a Shanghai, una delle città a mio parere più affascinanti e nel nostro caso pure romantiche perché è lì che, un anno fa, si può dire che si è avviata la nostra storia… Mi ricorderò sempre una sera in particolare. Anche se adesso, a pensarci, eravamo lontani anni luci dal nostro rapporto di adesso. Non sto più nella pelle per partire!!!!
L’altra notizia al prossimo post Winking smile!
DSC03611
Ricetta presa da Arietta, è praticamente uguale.
DSC03608
Ingredienti:
5 patate medie-grandi
2 uova
parmigiano grattugiato
80 g prosciutto cotto
formaggio (io ho usato scamorza affumicata, galbanino, 1 sottiletta)
120 ml latte
20 g burro (io salato)
sale
pepe
noce moscata
pangrattato
olio evo
DSC03607
Lavate le patate con la buccia, incidetele a croce, mettetele in una pentola, coperte d’acqua fredda. Portate a bollore e lasciatele cuocere per mezz’ora da quando l’acqua comincia a bollire.
Scolate e sbucciate le patate, schiacciatele con lo schiacciapatate, aggiungete uova, parmigiano, burro, sale, pepe, noce moscata, prosciutto tagliato a pezzettini e lavorate bene il tutto.
Ungete una pirofila, cospargete di pangrattato, sistemate metà del composto, livellandolo, poi adagiate le fette di formaggio, e ricoprite col restante composto. Cospargete di pangrattato, filo d’olio e in forno a 180°-200° fino a doratura.
DSC03610
Si può anche preparare prima, e poi cuocerlo all’ultimo, tanto impiega poco… Io ho fatto così ed è andata alla grande!
E il tortino è ottimo… E come non potrebbe, con patate, prosciutto e formaggio??
DSC03612


1
āi
2

3

1. {lǐ} inner; liner; lining; neighbourhood
2. {āi} angstrom; dust
3. {tǎ} pagoda; tower

Friday, March 25, 2011

Rich Peanut Butter Cookies

A tutte quelle che mi chiedono di parlare del Professore, o insomma di dire come procede qui, oggi avevo intenzione di dedicare un bel post solo a lui, e l’ho cominciato ma… mi sono accorta che non sapevo cosa raccontare! Non che si cosucce non ce ne siano, anzi, ma sono ormai piccoli dettagli quotidiani di una storia che sembra ormai ben consolidata, quindi se non li racconti subito finisce che dopo non ti sembra più il caso di farci un post.
Posso dire però che con lui va tutto benissimo, veramente veramente alla grande, lui è dolcissimo e pieno di attenzioni, ormai dorme quasi sempre qui per via della ristrutturazione del locale sotto casa sua che comincia alle 7 tutti i giorni, compresi sabato e domenica mattina, e io ormai mi sento triste quando mi devo addormentare da sola, e non riesco più ad addormentarmi.
Mi ha anche dato un nomignolo affettuoso, che anche se io fingo di arrabbiarmi mi piace tantissimo… E’ un appellativo dovuto alla mia grande abilità di ficcarmi in ogni piccolo spazio e di riuscire a starci comodamente. Lui è alto e ben piazzato, quando si sdraia sul mio divano lo riempie del tutto e le gambe gli spuntano fuori per metà, eppure io trovo il buchino, mi scavo il percorso e mi ci infilo, e come per miracolo ci stiamo in due! E così lui ha cominciato a chiamarmi così, però mettendoci dello spagnolo… All’inizio è cominciata per scherzo, poi, quando si è reso conto che sono anche mezza cieca senza lenti a contatto o occhiali, ha deciso che era il MIO nome, e da allora sono rimasta così. Indovinate????
A dire il vero ce sono due grandi novità che devo assolutamente raccontarvi, ma lo farò poi…… Adesso godetevi questa super ricettina!!!!

Allora dopo I famosi sperimentati peanut butter banana cookies, volevo provare gli originali per una volta, così…. Ho ricomprato un vasetto di burro d’arachidi (sì perché, indovinate che fine ha fatto l’altro?), e mi ci sono messa... Una favola.
DSC03595

Ingredienti:
1 cup brown sugar (io ho fatto metà brown metà normale perché l’ho finito)
1/2 cup burro di arachidi (io ho usato il crunchy così non ho messo le gocce)
1/2 cup margarina morbida
1 uovo
1 1/4 c up di farina
3/4 tsp bicarbonato di sodio
1/2 tsp lievito
1/4 tsp sale
zucchero
(gocce al burro di arachidi)

DSC03592
Mischiate con una frusta lo zucchero, il burro d’arachidi, la margarina e l’uovo, poi aggiungete la farina, il sale, il bicarbonato e il lievito.
Con le mani inumidite fate delle palline di composto, pucciatene una parte nello zucchero e disponetele distanti l’una dall’altra su una teglia ricoperta di carta forno (parte zuccherata in alto).
Cuocete a 180° per 10-15 minuti o fino a doratura. Se terminate quando saranno appena dorati avrete degli chewy cookies, ovvero leggermente ‘gommosi’ all’interno, se invece cuocete un po’ più a lungo avrete dei cookies croccanti. A voi la scelta, io ho fatto metà e metà!
DSC03590

Devo dire che non vedevo l’ora di provarli, essendo io una peanut butter addicted, ma che appena li ho assaggiati ho pensato che non rendevano giustizia al burro d’arachidi puro e a cucchiaiate, o su una fetta di pane (con marmellata di fragole, magari?).

Però il signorino qui, che adesso sta tentando (invano) di battere il mio record a un gioco, per lo ‘stress’ della competizione, come dice lui, se ne è appena fatti fuori 12, metà con una tazzona di latte. E io che domani ho una cena e non avevo voglia di preparare un altro dessert!!!
Anyway, stamattina ho pensato di fare colazione e ho adocchiato I biscotti… Non essendo sufficienti come dessert stasera, e avendo in forno un coconut banana  bread, ho pensato che potevo mangiar quelli.
Mi son fatta un bel caffelatte e poi mi son presa i miei biscottoni… Ed è stato lì che… Surprise!!! Sono dei fantastici, meravigliosi, perfetti biscotti da inzuppo!! Si pucciano e si ammorbidiscono all’istante, senza sfarsi, e il gusto è ottimo!! Non come I Plasmon che appena li immergi si spappolano e ci vuole la matematica per calcolare I secondi esatti e se distrai è finita, ti ritrovi con una pappetta al fondo della tazza; non come le frolle che a volte servono secoli per far ammorbidire solo la parte esterna e poi dentro invece è ancora dura. Questi sono dei veri biscotti porosi, e mai avrei pensato sarebbe stata la cosa che mi avrebbe entusiasmata di più dei peanut butter cookies!
E anche per coloro a cui il burro d’arachidi non piace troppo: da pucciati non si sente quasi!
Fateli, fateli… Poi prendeteli, pucciateli nel latte, addentate… vedrete quanto pucciano senza disfarsi!!
Approvata senza dubbio!
DSC03596

Monday, March 21, 2011

Peanut Butter & Banana Chocolate Chip Cookies


Banane da far fuori e burro d’arachidi pericolosamente comprato per essere utilizzato SOLO a fini culinari, NON a cucchiaiate. Mi sono ricordata che un amico tedesco faceva colazione con un toast ripieno di banana e burro d’arachidi e ho detto ‘Perché no?’. Poi su internet ho trovato migliaia di ricette, e mi son buttata…
Devo dire che va a gusti. Il mio Prof. non è stato molto entusiasta, ma li ha mangiati senza fare complimenti. Le recensioni sul web sono positivissime, ed è per questo che ho deciso di postare la ricetta, anzi ben due ricette… Che vi devo dire, ero piena di banane maturissime e di voglia di pasticciare!
Chi ha la curiosità di provare? Se può valere, a noi son piaciuti più i secondi che i primi.

1) PEANUT BUTTER BANANA CHOCOLATE CHIP COOKIES

DSC03553
Ingredienti:
1/4 cup maple syrup
1/4 cup brown sugar
1/4 olio vegetale
1/4 cup banane schiacciate (io ne ho usata una)
1/2 cup burro di arachidi
vanillina
1 pizzico di sale
1 cup farina
1/4 gocce di cioccolato

Mischiate insieme lo sciroppo d’acero, lo zucchero, l’olio, il burro d’arachidi, la banana e la veniglia. Aggiungete sale e farina. Girate. Unite le gocce di cioccolato.
Fate tante palline e disponetele su una piastra da forno con carta forno. Cuocete 15-20 minuti a 180°. Ne vengono sulla ventina, a seconda della taglia dei biscotti.
DSC03556

DSC03561

2) PEANUT BUTTER BANANA COOKIES

DSC03558_thumb1

Ingredienti:
2 banane mature schiacciate
1/2 cup di burro d’arachidi crunchy
1/4 cup brown sugar
1/2 cup di zucchero
1 tsp lievito
1/8 tsp sale
1.5 cup di farina
1/2 cup gocce di cioccolato (se volete)

DSC03557_thumb1
Mischiate insieme banane, burro d’arachidi e i due zuccheri. Aggiungete lievito e sale. Mescolate. Unite la farina, poca per volta, mescolando ad ogni aggiunta (io qui ho aggiunto del burro d’arachidi perché mi sembrava troppo asciutto). Per finire, gocce di cioccolato.
Fate delle palline, sistematele sulla carta da forno sopra una teglia, schiacciatele e cuocete a 180° per 10-12 minuti.
DSC03560_thumb1

Sunday, March 20, 2011

Scaloppine di pollo al limone


Sono assente da oltre un mese, lo so… e vorrei rientrare nel mondo dei fooblogger con una ricetta strepitosa, magnifica anche solo alla vista e deliziosa al palato. E invece no, me ne rientro con una ricetta che di più semplici non ce n’è, ma che a mio parere entrerà senza fatica nella top ten dei piatti più semplici da preparare e al tempo stesso più gustosi.
La ricetta è della mia mamma, che la faceva spesso quando eravamo bambine, e poi chissà. Ha smesso.
L’altro giorno avevo del pollo ed ero stufa delle solite ricette, e mi è tornata in mente questa qui. Ho chiesto a mia mamma e lei subito me l’ha ‘mailata’. Non immaginavo fosse tanto semplice!!! L’ho fatta la sera stessa e l’ho portata all’uomo per cena.  Sono entrata e stava  per mettersi a mangiare una scodella con dentro delle strisce di tofu mischiato a non so cos’altro. Mi ha detto: “It’s disgusting”.
“Try this. I think you might like it”, e gli ho passato il pollo.
E’ bastato il suo sguardo per essere sicura che la ricetta della mamma aveva trovato anche la sua approvazione. Mi ha detto che bastava il pollo per rendere tutto il resto meno schifoso.
Insomma… Voi pensate sempre che qui ci mancano tanto le delizie di casa, quindi basta poco per accendere il nostro entusismo, tuttavia ritengo che questa valga la pena di provarla.

DSC03589


Ingredienti:
petto di pollo a fette
aglio
olio evo
farina
succo di limone
sale

Scaldate l’olio con gli spicchi d’aglio in una padella, nel frattempo infarinate bene le fettine di pollo.
Adagiate il pollo nella padella e fatelo rosolare bene da ambo i lati, devo diventare dorato. Poi salate e spruzzate col succo di limone.
Fate insaporire e ritirare la salsina, spegnate e servite subito.
DSC03588
Questa volte ci ho aggiunto anche delle patate a fettine sottilissime sbollentate che avevo avanzato dal giorno prima… Devo dire che ci stavano a meraviglia!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...