Sunday, May 26, 2013

Torta morbida alle fragole

L'ho presa dall'Araba, che l'ha presa da Martha Steward, che l'ha scritta in questo suo libro, credo.

Io adoro le fragole, ma non amo niente che sia al gusto fragola. Frullato di fragola, gelato alla fragola, succo di fragola, niente. le fragole mi piacciono così, rosse e crude, meglio se appena raccolte. Però, però… Senti l'Araba decantare la bontà di questa torta, sai che le fragole buone te le puoi raccogliere da sola qui, e ti convinci. Il Prof. Bear anche non ama la frutta nei dolci, dice che è 'viscida' ( -.-''') e che gli fa senso, e poi ti dici che non importa. Già hai rinunciato a funghi e peperoni perché lui non li mangia, stavolta ce ne freghiamo! E alla fine, sapete? Se l'è mangiata eccome, la torta! E pure con gusto! E ha detto che era buona. 

Ed era buona davvero. Non bella, proprio no: a me le fragole al centro sono affondate e non fa proprio una bella impressione come quella di Stefy, però non l'avrei neanche definita 'the ugliest cake ever!' come l'ha definita lui. E per 'sistemarla', parole sue, ha pensato di farci un altro buco al centro, col dito indice, perché era l'unico punto della superficie dove era rimasta liscia. Ma dico io! Gli sono corsa dietro col mestolo fino di sopra. Comunque, la torta è stata approvata ed è sparita in meno di 24 ore, un motivo ci sarà! Per niente stucchevole, ma di una dolcezza giusta, morbida, coccolosa. 

Sono stata contenta di averla fatta anche se devo ammettere che inizialmente mi ispirava più questa, che nn ho potuto fare per assenza di ingredienti. Sarà per la prossima volta, nel frattempo gustiamoci questa prima versione!

Torta morbida alle fragole 4

Ingredienti per una tortiera di 23 cm:

85 g burro

180 g farina

1 ½ cucchiaino di lievito

½ cucchiaino scarso di sale

150 g zucchero

1 uovo grande

125 ml latte

1 cucchiaino di vaniglia

340 g fragole

2 cucchiai di zucchero (per la copertura)

 

Battete burro e zucchero per 3 minuti con le fruste elettriche. Aggiungete sempre sbattendo l'uovo e il latte. Il composto a questo punto a me risultava cagliato. Pensando di aver sbagliato qualcosa -la mia autostima è sempre sul basso- ho buttato tutto e ho ricominciato. La seconda volta è successa la stessa cosa. Il latte era buono, quindi sono andata avanti, un po' timorosa. 

Aggiungete sale e vaniglia. Abbassate la velocità delle fruste al minimo e aggiungete farina e lievito. Versate l'impasto nella tortiera coperta di carta forno, livellatelo e appoggiateci sopra le fragole, tagliate a metà per il lungo. Saranno abbastanza da ricoprire quasi tutta la superficie e è giusto così. Non schiacciatele perché tendono ad affondare. Spargeteci sopra i due cucchiai di zucchero (io me li sono quasi dimenticata ma non sia mai!!!!). Cuocete in forno a 180°C per 10 minuti, poi abbassare a 160°C e cuocere per altri 50-60 minuti. Fate raffreddare e servite. 

E' buona subito, e anche il giorno dopo (mi spiace Stefy, io non ho resistito), coperta con pellicola o un piatto.

Io l'ho realizzata col Kitchen Aid, con l'attacco a farfalla.

Torta morbida alle fragole 3

 

SOFT STRAWBERRY CAKE 

For me the best way to eat fruits is to eat it raw, just the way it is. Specially strawberries, that I don't like in smoothies, or shakes, or gelato. Not at all. So I wasn't really sure about this cake, but after reading what she wrote about it made me wanna try it. So glad I did. Both my man and I enjoyed it a lot, it was gone in less than 24 hours. And he dislike cooked fruit, because it's 'mushy like mushrooms'. That's the way he put it. Whatever...

Anyway, this is the recipe! Sweet but absolutely not too sweet, light but yummy, very moist and… maybe not really beautiful (the man defined it as 'the ugliest cake ever', but I think it's a little exaggerated), but surely worth it!

Torta morbida di fragole 1

Ingredients for a 9" round pan:

85 g butter

180 g flour

1 ½ tsp baking powder

½ tsp salt

150 g sugar

1 egg

125 ml milk

1 tsp vanilla extract

340 g strawberries

2 Tbsp sugar

Beat butter and sugar with an electric mixer for 3 minutes. Still beating, add milk and the egg. Add salt and vanilla. Reduce the speed to minimum and add flour and baking powder. Pour the batter into the greased pan and bake at 350°F for 10 minutes, then reduce oven temperature to 320°F and bake for 50-60 minutes. Let cool and serve.

Wednesday, May 22, 2013

Torta alle mele e noci Pecan

Ve li ricordate quei bei filmoni americani di quando eravate piccoli? Quei bambini biondi, bellissimi, tutti uguali, con le facce paffute, i pantaloni altissimi in vita, dall'aria sana? Quando il Prof. Bear ha condiviso con me alcune sue foto vecchie di famiglia, mi ha fatto un effetto incredibile! Eccoli li, quei bambini che vedevo nei film! Stesse facce, stessi vestiti, stessi sorrisi. Mi sembrava di vedere dal vivo delle piccole star del cinema! Ma vi siete mai chiesti che cosa mangiavano questi bambini? Come vivevano? Se erano diversi da noi?
Dopo aver ricevuto questo bello stampo da ciambellone ed averlo inaugurato così, ho pensato bene di fare il bis con una ricetta che dalla descrizione mi faceva venire una voglia…! E così l'ho ri-unto, e riempito dell'impasto di questa torta… Me l'ero segnata e finalmente l'ho potuta assaggiare di persona! E' vero, ha un qualcosa che resta… una coccola, forse più invernale che estiva, un sapore genuino, ma forse diverso dalle nostre torte classiche italiane, seppur in qualche modo familiare… Alla fine, ci sono arrivata: il sapore di questa torta nella mia testa corrisponde al sapore delle torte di famiglia dei bambini americani, quelle che mangiavano a casa della nonna… Loro non conoscono le nostre crostate alla marmellata, o le nostre torte di mele, che a noi sanno tanto di 'casa', no: a loro queste non dicono niente. Ma non vuol dire che anche i bimbi americani, nella loro infanzia, non abbiano avuto certi 'pilastri' che, ancora adesso, quando le rimangiano gli fanno venire in mente qualche nonna laboriosa, che trafficava in cucina da cui usciva un profumino invitante. Cannella, noci pecan, mele, zucchero di canna: gli ingredienti base di così tante ricette dolci di questo Paese!
All'inizio ci si mette un attimo ad abituarsi, ma ne ho trovate veramente tante di buone, e pure genuine! La cucina americana è famosa in tutto il mondo per essere non salutare e molto pesante, e mi sorprendo anch'io quando il Prof. Bear mi racconta che da piccoli spesso e volentieri lui e i suoi fratelli mangiavano cibi precotti, o zuppe in scatola, o qualcosa comprato pronto. Quando i genitori lavoravano entrambi, non c'era tempo per cucinare, punto. Eppure avevano tempo per portare tre bambini a lezione di pianoforte, sassofono, basket, baseball, football, etc… Ecco, insomma, alla fine ho capito una cosa: nelle famiglie americane le priorità sono diverse dalle nostre. A casa mia mia mamma non ha mai saltato un pasto, non uno. Tutto era fatto in casa, dalla colazione alla cena, e non si mangiava mai fuori, se non in occasioni super speciali, e voleva dire una pizza. Non come qua, che ogni weekend si andava a fare brunch nel Diner vicino casa. Però mia mamma non ci avrebbe mai portate a fare sport in un paese dove non abitavamo, quello che passava il comune doveva andarci bene: gratuito e ci si andava a piedi. Insomma, il tempo libero era gestito diversamente.
Eppure, nonostante questa diversità d'infanzia, ci sono certe cose in comune: il ricordo di una nonna, con un mestolo in mano, a sbattere burro e zucchero per fare la torta ai nipotini. E questo ricordo è così dolce, e così -credo- internazionale, che questa torta la voglio dedicare a tutte le nonne/mamme americane, che sono sicura conservano nel loro vecchio ricettario, ingiallito e macchiato d'olio, una ricetta similia questa, che i loro nipoti ricordano ancora.

Southern Apple Pecan Cake 4

Saturday, May 11, 2013

L'Arrosto perfetto senza fatica!

Sono cosi eccitata nel postare questa ricetta!!! È stato uno dei maggiori successi, e in un piatto di carne, che in genere non mi entusiasmano mai!!! Anche se non ho preso dalla mamma il gene anti-gnocchesco, non ho neanche ereditato quello carnesco… Lei fa degli spezzatini che ti si sciolgono in bocca, che si tagliano solo a guardarli, saporitissimi e magri. In famiglia siamo tutti invidiosi perché anche seguendo le sue indicazioni non riusciamo nella stessa impresa con gli stessi successi. Francamente, non che ci abbia mai provato… La carne per me non è divertente da cucinare. Un po' perché dipende dal taglio di carne, un po' dalla fortuna, perché lo stesso pezzo di carne può variare da una volta all'altra a seconda dell'età dell'animale, insomma mi infastidisce non avere la sicurezza di riprodurre una certa ricetta agli stessi livelli. Mentre invece mi conforta il fatto che con tuorli d'uovo, zucchero, farina e latte si ottiene una crema pasticcera, che non cambierà se non cambierete le proporzioni che usate.
Ma diciamolo pure, mi scoccia un po' non sentirmi sicura di me quando si tratta di carni, in fondo è il piatto principale di una cena importante, quello in cui persino a Masterchef è considerato quello che può diventare il 'cavallo di battaglia' o il motivo per cui si perde una sfida.
Cosí ho comprato un bel pezzo di quello che in Americano si chiama 'Eye Round'. Mi sembrava bello, e magro, così l'ho preso.
Tornata a casa, ho cercato come cucinarlo e ta-daahhh! Ho trovato questo. Amore a prima vista non rende l'idea. Ho pensato "Se questo funziona, mi cambia la vita!". Ha funzionato, e così è stato. Per la prima volta non vedo l'ora di ricucinare la carne, e di avere ospiti che possano assaggiarla.

GIRELLO ARROSTO PERFETTO

Round Eye Roast 7

Vi ricordate il metodo intelligente (o 'furbo', come direbbe l'Araba) per cuocere il pollo? Beh, questo funziona quasi allo stesso modo, ma usa il forno. Ancora meglio, io sono innamorata del forno! La ricetta viene da AllRecipes. Provatela perché non la abbandonerete più! Ed è una carne magra, e non si usa né olio né burro quindi è perfetta anche per chi è a dieta!

Monday, May 6, 2013

Empanadas Argentine americanizzate, ovvero con Tacchino e Cheddar cheese

Le avevo già fatte 3 volte, con ripieni diversi: misto carne e verdure, formaggio, spinaci e formaggio, e queste ultime due non le avevo neanche postate 1) perché ancora non ero soddisfatta della pasta, e 2) perché per quelle con gli spinaci avevo usato dei dischi di simili pasta sfoglia pronta trovati in Cina, quindi non erano proprio 'empanadas'.

Ora siamo in Florida, e quando andiamo a sud, verso Miami, possiamo gustare tutte le empanadas che vogliamo, e oh, se son buone!!! Finalmente ho qualcosa con cui confrontare le mie, finalmente so  come dovrebbero essere. A dire la verità sono esattamente come me le immaginavo, diverse dalle mie. Ok, dovevo risolvere sta cosa. Era una sfida personale e a me le sfide piace vincerle, soprattutto se sono l'avversaria di me stessa.

E, grazie a lei, l'ho vinta! Ho trovato la ricetta perfetta per le mie empanadas, che felicità!!! Non solo mi sono venute perfette, anche a detta del Prof. Bear, ma sono anche state molto più facili e veloci da fare rispetto alle volte precedenti! Più di così non potrei chiedere.

Lo sghiribizzo di preparale mi è venuto alle 11 e abbiamo mangiato all'una e mezza. Non male, eh? Ho dovuto anche arrangiarmi con quello che avevo in frigo, e ne è uscito un risultato per noi strepitoso, gustosissimo e d'effetto. Potete ovviamente cambiare il tipo di formaggio e farle secondo la ricetta autentica, ovvero formaggio e prosciutto, ma questa è assolutamente una versione da tenere in considerazione.

Tra l'altro una delle mie colleghe -quella che mi ha insegnato tutto quello che c'era da sapere alla pasticceria- è niente po' po' di meno che argentina, quindi aspettatevi altre ricette da laggiù!!

Empanadas de Queso 4

Ingredienti

per la pasta:

2 ¼ cups di farina

1 ½ cucchiaini di sale

115 g burro, freddo, a quadretti

1 uovo grande

⅓ cup acqua ghiacciata

1 cucchiaio di aceto di vino bianco

 

per il ripieno:

160 g Cheddar cheese grattugiato

1 uovo

200 ml latte

sale

pepe

noce moscata

 

fette di tacchino

 

1 uovo sbattuto per spennellare

 

Mescolate la farina col sale, poi unite il burro freddo a pezzetti lavorandolo con la punta delle dita fino a ridurlo in briciole. Il composto sarà un crumble finissimo.

In una ciotola mischiate l'aceto, l'uovo e l'acqua ghiacciata, poi unite il tutto al composto di farina e lavorate fino a ottenere una palla di pasta. Impastate e formate un disco di pasta rotondo alto circa 2 cm. Avvolgete in pellicola e mettete in frigo per 1 oretta.

Intanto preparate il ripieno, unendo tutti gli ingredienti e cuocendoli in un pentolino per 5 minuti, fino a ottenere una pasta semiliquida. Versiamo in una ciotola non troppo alta e lasciamo raffreddare (potete metterla in frigo se non si addensa in fretta).

Accendete il forno a 200C. Infarinate bene il piano di lavoro e stendete il disco di pasta con un matterello fino a uno spessore di circa 4 mm, poi con un coppapasta o un bicchiere tagliate tanti dischi di circa 10 cm di diametro. Prendete ogni disco, stendetelo ancora un po' girandolo continuamente, poi sistematevi sopra una fetta di tacchino, sopra la fetta mettete un cucchiaio di composto al formaggio, che adesso dovrebbe essere bello denso, richiudete la fetta di tacchino, e chiudete infine la stessa empanadas, sigillando bene i bordi e completandola col classico bordino.

Empanadas de Queso 1

Sistemate le empanadas sul una placca da forno coperta di carta forno, spennellatele con l'uovo sbattuto e cuocetele per circa 25 minuti fino a doratura. 

Da gustare calde o tiepide. 

Empanadas de Queso 3

Note:

- Le empanadas chiuse e pronte per essere cotte possono essere conservate in freezer chiuse in una sacchetto di plastica

- Potete conservare quelle cotte in frigo per alcuni giorni, e riscaldare al microonde per ottenere un risultato ancora sorprendente.

 

AMERICANIZED ARGENTINIAN EMPANADAS (WITH TURKEY AND CHEDDAR CHEESE)

In Miami we can eat our loved empanadas any time we want, but for me it was a challenge to make them myself the way I wanted them to be, and this wasn't right. Good, but not quite right yet.

I found my peace here, and for the first time we really enjoy some homemade empanadas de queso. Since I decided to make them at the last moment, I just used what I found in the fridge, and the result was surprisingly good, tasty, and… really American. 

So there you have it, my 

CHEDDAR & TURKEY EMPANADAS

Empanadas de Queso 5

Ingredients

for the dough:

2 ¼ AP flour

1 ½ tsp salt

1 stick cold butter, diced

1 large egg

⅓ cup ice water

1 Tbsp white wine vinegar

for the filling:

160 g grated Cheddar cheese

1 egg

200 ml milk

salt

black pepper

nutmeg

 

turkey, sliced

 

1 egg for the egg wash

 

Make the dough. Start mixing the flour with the salt, then add the diced butter and work with a pastry blender or your fingertips to make a very thin crumble.

In another bowl mix the egg, the vinegar and the water, then add this to the flour mixture. Mix everything and start kneading a few times on a floured surface. Shape into a flattened ball. Wrap it in plastic wrap and refrigerate for an hour.

Prepare the filling by mixing the cheese with the egg and milk, salt, pepper and nutmeg and cooking it for 5 minutes, until almost liquid. Pour into a shallow bowl and let cool (you can put it in the fridge if it doesn't thicken quickly).

Heat the oven to 400F.

Take your ball of dough, flour your working surface and roll it out until ¼ inch thick. Use a glass or a cup to cut out 4' circles in the dough.

Place a slice of turkey in the centre, a tablespoon of cheese filling on the turkey, close the turkey slice and the empanada and seal the edges with the typical border.

Empanadas de Queso 2

Place your empanadas on an oven rack covered with parchment paper, then brush them with your e.g. wash and bake for 25 minutes, until golden brown.

Enjoy hot or warm!

Empanadas de Queso 6

Notes:

- formed empanadas can be frozen in a freezer bag.

- uneaten empanadas can be refrigerated for a few days and warmed up in the microwave to be as good as just-baked.

 

Wednesday, May 1, 2013

Ciambellone all'Arancia profumato al Cocco

Da quando lavoro in pasticceria non ho più tempo né di cucinare, né tantomeno di usare il caro vecchio forno, e la cosa mi manca tantissimo. Ho orari diversi ogni giorno e ogni settimana che mi vengono comunicati all'ultimo momento e cambiati molte volte, quindi organizzarmi in anticipo è praticamente impossibile. Ieri sera però, dopo 10 ore di lavoro ho saputo che oggi sarei stata libera, e la prima cosa che ho pensato è stata: "I'm gonna bake something". 

Per il mio compleanno ho ricevuto da mia 'suocera' due stampi per ciambelloni, di cui uno molto fancy, nuovo, e l'altro classico, giallo, usato chissà quante volte, e che apparteneva alla nonna. Il Professore si ricorda ancora la quattro torte che venivano cotte in questo stampo: alle mandorle, alla cannella, coffee cake e al limone. Non serve dire che è proprio questo lo stampo che ho apprezzato di più. E quale occasione migliore per utilizzarlo?

La scelta della ricetta l'ho affidata al Professore, che ha scelto l'unica per la quale non serviva uscire per comprare ingredienti mancanti (la pigrizia qui ogni tanto regna padrona….).

La ricetta è di Anna Moroni e l'ho trovata sul Dolce mondo di Sara, ma l'ho modificata nelle dosi e nella presentazione.

Ciambellone all Arancia 1

Ingredienti:

4 uova grandi

280 g zucchero

170 g olio vegetale

180 g succo d'arancia (2 arance chiare)

la buccia grattugiata di 2 arance

24 g lievito

330 g farina

 

per la glassa:

zucchero a velo

succo d'arancia q.b.

aroma al cocco

 

Sbattere le uova con lo zucchero fino a farle diventare bianche e spumose, poi aggiungete l'olio, il succo e la buccia delle arance, e mescolate bene. Unite la farina e il lievito, amalgamate con una spatola senza smontare. Versate in uno stampo da ciambella bene imburrato e cuocete a 180C per 30-35 minuti (vale prova stecchino).

Ciambellone all Arancia 2

Rovesciate su un piatto e mentre si raffredda preparate la glassa: mettete dello zucchero a velo in una ciotola, aggiungete un paio di cucchiai di succo d'arancia e 1 cucchiaino di aroma al cocco, mescolate con una frusta per eliminare tutti i grumi. La consistenza deve essere molto molto spessa, non deve essere facile mescolare (altrimenti cola tutto… Va beh che cola tutto lo stesso, consiglio di glassare sopra una griglia che io non ho per evitare pasticci).

Glassate.

Ciambellone all Arancia 5

Io il ciambellone l'ho trovato buonissimo, molto gustoso e ricco di sapore, la glassa poi ci sta proprio bene e aiuta a mantenerlo morbido. Ho ridotto lo zucchero di 40 g rispetto alla ricetta originale che ne richiedeva 320g, ma se fate la glassa a mio parere potete diminuire ancora. Direi che 250 g dovrebbero bastare (la glassa è molto dolce).

L'aroma al cocco è delicato ma basta a dare quel piccolo tocco tropicale al dolce che era quello che volevo.

Beh, enjoy!

Ciambellone all Arancia 4

 

ORANGE BUNDT CAKE WITH COCONUT SCENT

For my birthday I got two old pans from my befriend's mom, one of which must have been his grandmother's. It's a classic bundt cake pan, yellow outside, that used to be used for a few classic cakes that my boyfriend still remembers… I was flattered to inherit it. For me it has a big value. I had to inaugurate it as soon as possible! So I did, with a orange flavoured bunt cake, and a little twist of coconut, to welcome Florida Summer!

Ciambellone all Arancia 7

Ingredients:

 4 large eggs

280 g sugar*

170 g vegetable oil

180 g orange juice (the juice of two oranges)

the zest of the two oranges

24 g baking powder

330 g AP flour


for the glace icing:

powdered sugar

the juice of an orange

coconut essence


First thing to do, is to beat the eggs with the sugar until white and fluffy, then add the oil, the zest and the juice of the two oranges. Mix and add the flour and the baking powder using a spatula to mix lightly.

Pour in a greased bunt cake pan and bake at 350F for about 35 minutes (do the skewer test).

Flip it on a plate and let cool a little bit while making the glace icing.

Ciambellone all Arancia 3

 In a bowl, put some powdered sugar and a couple tablespoons of orange juice, and a teaspoon of coconut. Mix with a whisk until you get a very thick glace. You can adjust it by adding powdered sugar or more orange juice until you get the consistence you want.

Pour the sauce on the cake (I'd recommend to do this on a rack because the glace will fall down and it will be messy if the cake is on a plate… see mine :( ).

Enjoy!

This cake is very moist, the flavour is really nice and the glace is perfect to keep it moist for a few days if covered with foil. The review of my boyfriend, whose responsibility is to be honest about everything I cook, has been "It's excellent!". I would say the grandma's bundt cake pan hasn't loose its magic ;).

Ciambellone all Arancia 6

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...