Thursday, July 26, 2012

Fish Tacos

E' buffo, ma uno dei ricordi più belli del viaggio in Cambodia sono state le cene al ristorante messicano  !Viva, uno dei ristoranti messicani più buoni che abbiamo mai provato. A parte la location, che era fantastica. Ad angolo tra la strada principale sul mercato notturno di Siem Reap e una traversa, dal senso piano, aperto, potevi vedere tutto ciò che succedeva là sotto, il il people-watching è una delle nostre attività preferite, specialmente davanti a buon cibo e buon margarita. Quando lo abbian scoperto, ci siamo tornati, sia lí che poi a Phonm Penh. Il pezzo forte erano i fish tacos, a 1 dollaro l'uno. 1 dollaro l'uno, ed erano grandi!! Con due ti facevi una cena ed eri sazio. Con uno e una papaya salar eri sazio e ancora più felice. Te li servivano accompagnati da una salsina che era la fine del mondo… letteralmente. Era bianca, delicata, e sui tacos ci stava DA DIO!! Sono andata in entrambi i ristoranti a chiederne la ricetta, che mi hanno dato, anche se era strana, a mio parere, perché la salsina era di un bianco candido e loro dicevano di averci messo dei tuorli… In ogni caso sta ricetta adesso non so più dove l'ho messa. Ero convinta di averla scritta sul telefono del Prof. ma lui dice che non ce l'ha. Secondo me l'ha cancellata senza ricordarsi cosa fosse...
Comunque, qui da Canvas adesso hanno i fish tacos, te ne danno 2 al prezzo di 72 rmb, che è carissimo per qui. Ce li ha offerti una volta Chris e li abbiamo apprezzati ma, senza la salsina magica, non vale la pena spendere tanto. Proviamo a farceli? E così ieri sera ci siamo dedicati alla cucina messicana. 
Questa è una ricetta dei sensi. Ci sono poche misure, pochi pesi e poche quantità. Dovete odorare, toccare, assaggiare e far assaggiare. Dovete godervi anche la parte della preparazione per raggiungere una soddisfazione maggiore quando vi sederete a tavola. Gli ingredienti ve li do, ora sbizzarritevi e giocateci per ottenere il risultato che i vostri sensi vi suggeriscono!
Consigliata realizzazione in coppia.
Foto vergognose, ma fatte a mano singola durante la cena. Diciamo che non ero molto fiduciosa sul risultato quindi non ero pronta, invece poi il Professore ha addensato e ha detto: "MMMhhh!! Che bello! Che buono! Non fai una foto?". E così…. La ricetta finisce condivisa. Enjoy!
Fish Tacos 2
per i tacos:
fajitas o tacos shells
foglie di lattuga
peperoni a listarelle
1 avocado maturo
4 filetti di pangasio (è quel che abbiamo usato noi, ma usate il pesce che vi piace)

per la salsa:
½ cipolla tritata
pomodorini tagliati a pezzetti piccoli piccoli
1 spicchio d'aglio
sale
pepe
coriandolo fresco
succo di ½ lime
2 peperoncini

per la salsa bianca:
½ tazza di panna acida
succo di ½ lime
1 cucchiaino di maionese
coriandolo fresco
sale
pepe
½ peperoncino tritato

per la pastella da frittura:
1 tazza di farina
un pizzico di bicarbonato di sodio
sale
1 uovo
birra
acqua

Preparate la salsa bianca mischiando tutti gli ingredienti e assaggiando per regolare di sale e pepe. Mescolate e mettete da parte.
Preparate la salsa: tritate la cipolla e l'aglio, unite i pomodorini tagliuzzati, il coriandoli a pezzi, i peperoncini trtitati e tutto il resto. Mescolate e mettete da parte.
Preparate i filetti: asciugateli bene e tagliateli a pezzetti, tutti della stessa misura.
Preparate tre grosse ciotole. In una mettete la farina, il bicarbonato e il sale. In un'altra sbattete l'uovo con un po' di birra. Pian piano unite i liquidi alla farina, sempre mescolando con la frusta per evitare grumi. Poi vedete: se vi sembra troppo densa aggiungete birra o acqua, altrimenti aggiungete farina. Dovete avere una pastella non liquida ma neanche troppo spessa, che resti attaccata al pesce senza scivolare via.
Nella terza ciotola mettete della farina per infarinare il pesce.
Scaldate dell'olio di semi in una padella capiente.
Buttate i pezzetti di pesce nella farina, infarinateli bene e poi buttateli nella pastella, pochi per volta. Sgocciolate l'eccesso e friggeteli nell'olio caldo. Girateli una volta, quando sono dorati da entrambi i lati tirateli su con una schiumaiola e metteteli in una ciotola coperta di carta da cucina. Salate leggermente.
Proseguite aggiungendo olio se necessario tra una frittura e l'altra.
Mentre friggete sistemate le fajitas in una teglia e scaldatele nel forno caldo pochi minuti.

Ora siete pronti a fare i vostri tacos!
Prendete una fajita, sistemateci sopra una bella foglia di lattuga, uno spicchio di avocado, due listarelle di peperone, 2 o 3 pezzetti di pesce, infine aggiungete la salsa rossa e un pochino di salsa bianca. Chiudete e….. Addentate! Questo è un cibo da animali, è impossibile avere le mani pulite. Avrete le mani piene di salsine… Leccatevi le dita e proseguite con un'altra fajita! Qualcuno in televisione diceva… Se non ti lecchi le dita, godi solo a metà! In questo caso bisogna leccarsi le mani intere ma… Il senso è lo stesso.
Fish Tacos 3
Ottimi! La salsa bianca io l'ho dovuta fare con lo yogurt cinese, che è dolcificato quindi sembrava uno schifo, invece mischiata col resto non era affatto male!!

FISH TACOS
One of the best memories from our trip to Cambodia was our dinner at the mexican restaurant !Viva. It was with no doubt one of the best mexican restaurant we've ever tried. After we tried it, we went back there in Siam Reap and also in Phnom Penh. They had a great deal of fish tacos for a dollar, good frozen margaritas and a nice, nice, nice papaya salad. everything was just great, burritos, fajitas, everything. But we fell in love with the fish tacos.They served it with a white sauce that was amazing. I asked for the recipe but I think they lied to me because it was really white and they said it was made with egg yolks. Anyway, I lost the recipe they gave me. I had to make something up for yesterday night, when we decided to try our own fish tacos! I gotta say, we are pretty good at homemade ethnic food. I'm really happy about each one of our attempts! This one too. 
It's what I call a recipe of the 5 senses. No need for exact weight or quantity, I give you the ingredients, then off you go! Smell it, touch it, taste it, make someone taste it… Enjoy even the preparation phase. It will make it even better when you eat it. 
I suggest to work in pairs.
I'm seriously sorry for the photos, but I wasn't really confident about how our first tacos would've tasted so i wasn't ready for taking any photo, when the Man said "This looks nice!!! Omg, this tastes great too!!! Don't you want to take a photo?". And there you go, in between a bite and a second one. Enjoy!
Fish Tacos 1
for the tacos:
fajitas or tacos shells
lettuce leaves
belly peppers
1 ripe avocado
4 fillets of pangasium or other fish that you like

for the salsa:
½ onion, finely minced
1 clove of garlic
cherry tomatoes, finely diced
fresh cilantro
2 chili peppers, minced
juice of half a lime
salt
pepper

for the white sauce:
½ cup sour cream
juice of half a lime
1 Tbsp mayo
fresh cilantro
½ chili pepper, minced
salt,
pepper

for the beer batter:
1 cup of flour
a pinch of baking soda
a pinch of salt
1 egg
beer
water

Start with the white sauce mixing all the ingredients and tasting for salt and pepper. Put aside.
Go on with the salsa, grinding the garlic with the onion and the chili and mixing everything. Put aside.
Prepare the fillets: dry them up and cut them in small pieces, all of the same size.
Take 3 big bowls: in one mix the flour with the baking soda and the salt. in a second one beat the egg with the beer, then pour it into the flour mix, always stirring with a whisk. What you want to get is a batter thick enough to wrap the fish pieces without sliding away, but you also don't want too much of it around the fish. It should be a little thicker than the batter for crêpes or pancakes.
Put some flour in the third bowl. Pour some corn oil in a large skillet, heat it up until very hot. Cover with flour the fish pieces, then throw them -few at a time- in the beer batter, then fry them. Flip them once and when crispy and golden brown take them out with a skimmer and put them in a bowl cover with kitchen paper. Add some salt.
In the meanwhile, heat the fajitas in the oven.
Now you are ready to make your tacos!
Fish Tacos 4
Take a fajita, lay a lettuce leaf on it, add a slice of avocado, 2 slices of belly pepper, a couple of pieces of fish, the salsa and a little bit of white sauce. Close it as you can and… Take a bite! This is impossible to do without getting dirty… real dirty. But lick your fingers and go for another one, that is the way!

Tuesday, July 24, 2012

Lemon Curd

Quanto si è letto e visto a proposito del lemon curd? Tempo fa c'e' stato un boom e tutti , dico tutti, sono impazziti per il lemon curd. Io, sebbene fossi curiosa, non ho mai trovato l'occasione per farlo. Anche perché', chissà per quale ragione, mi ero convinta fosse una cosa piuttosto complicata da fare. Ultimamente curiosando per vari blog ho l'ho ritrovato e, essendo estate e vedendo che effettivamente è molto semplice, mi sono decisa a provarlo. Però ho trovato troppe versioni discordanti, quelle con uova intere, quelle con solo tuorli… persino la preparazione era sempre diversa. Insomma non sapevo di chi fidarmi e quale sarebbe stata la migliore per i nostri gusti, quando ho letto questo. Era la descrizione perfetta per me perché la ricetta non usava solo tuorli (a me i tuorli non fanno impazzire e il loro sapore per me è troppo forte persino nella crema pasticcera), ma neanche troppe uova intere, cosa che, a mio parere, avrebbe dato un curd un po' troppo 'morbido' senza la consistenza tipica del curd. Poi garantiva che non sarebbero venuti grumi anche senza setacciarlo, quindi…. perché no… Ecco qui:

Lemon Curd 3

Ingredienti:
85 g burro morbido
1 cup di zucchero
2 uova
2 tuorli
⅔ cup succo di limone
1 cucchiaino di scorza grattugiata

In un pentolino a fondo spesso sbattete burro e zucchero fino a ridurli a crema, per circa 2 minuti. Unite uno a uno le uova e i tuorli, sbattete per un minuto. Aggiungete il succo di limone e mescolate. Mettete sul fuoco basso e cominciate a mescolare, senza smettere mai. Adesso sara' una schifezza, apparirà tutto cagliato… Non preoccupatevi che, cuocendo, prima diventerà bello liscio e fluido, poi si addenserà perfettamente acquisendo una consistenza cremosa. Ci metterà circa 15 minuti. Non smettete mai di mescolare! Quando sarà denso come una crema pasticcera unite la scorza di limone, mescolate bene e setacciatelo. La ricetta non lo richiede, ma io l'ho fatto lo stesso perché ci vuole un attimo e mi piaceva averlo perfettamente liscio.

Lemon Curd 1

Versatelo in una ciotola, copritelo con della pellicola posata direttamente sulla superficie per impedire la formazione della pellicina, e mettete in frigo a raffreddare. Una volta freddo, potete trasferirlo in un barattolo di vetro e conservarlo in frigo fino a 1 settimana o congelarlo fino a 2 mesi.
Usatelo come farcitura per tartelette e crostatine, come ripieno per i muffins o cupcakes, come gocce goduriose in un plumcake o una torta morbida, spalmatelo su una fetta di banana bread per una colazione che vi darà una carica di energia!


LEMON CURD

I've read so many different recipes for making lemon curd, but who knows why I've never tried it. I kinda had the feeling it was something complicated to make, a pain in the ass and I never really felt like trying it. Well, around the web I've found some recipes that made me feel like having it in my fridge ready to use, so… Let's go with it. But which recipe to use? Some call for whole eggs, but won't it be too fluffy? Some call for yolks only, but… Won't it be too eggy? And heavy? Finally I've found this. "Foolproof lemon curd"?? That's the one for me! I 'm not gonna fail! And actually that did not happen this time...

Lemon Curd 2

Ingredients:
6 Tbsp butter, soften
1 cup sugar
2 eggs
2 yolks
⅔ cup fresh lemon juice
1 tsp grated lemon zest

Find how to make it here.
It was my first lemon curd but I was really happy with it! It was so easy and quick and it tastes great. I'll definitely do it again. 
Use it to fill up tartelettes or tartes, as filling for muffins or cupcakes, as drops of goodness in some soft fluffy cake, spread it on a slice of banana bread for your breakfast for a nice, nice, nice beginning of your day.

Friday, July 20, 2012

Pasta per tartelette

Presa da qui.
Questa ricetta mi ha incuriosita perché non riuscivo a classificarla… Non e' una frolla, non e' una pasta, non è una pasta sablée. E quindi? Insomma… Ho voluto vedere come sarebbe venuta. Oh, a parte che e' facilissima da fare, e non ho avuto problemi nonostante qui faccia un caldo allucinante. Poi è velocissima, e infine mi è servita da base per le tartelette più leggere che abbia mai mangiato! Insomma è un'ottima base e non è affatto dolce, quindi si può adattare anche per ricette salate. Ha un sapore molto neutro, si lavora con facilità e resta friabile e leggera ma resistente. Insomma nelle tartelette ci ho ficcato di tutto ma la base e' rimasta ottima, per nulla gnecca e ha tenuto bene il peso del ripieno. Aspè faccio una pausa che mi è venuto un certo languorino…...
Ok oggi e' il giorno dopo ma riprendo di nuovo dopo un'altra tarteletta! Anzi tre…….
Tartelette 3
Ingredienti per 23 tartelette:
200 g farina
100 g di burro freddissimo, a cubetti
30 g di zucchero
½ cucchiaino di sale
1 uovo sbattuto con 2 cucchiaini d'acqua
Mischiate la farina con lo zucchero e il sale, poi aggiungete il burro e 'tagliatelo' senza scaldarlo, per unirlo alla farina. Potete usare l'apposito attrezzo in metallo oppure due coltelli (io faccio così, li uso come per tagliare una bistecca, incrociandoli e allontanandoli… non so se mi spiego). Quando il composto diventa bricioloso, fate un buco nel mezzo e uniteci l'uovo con l'acqua. Partendo dal centro, con una forchetta sbattetelo, unendo pian piano la farina dai bordi. quando quasi tutta la farina e' stata presa dall'uovo, lavorate velocemente con le mani. Fate una palla, avvolgetela in pellicola e mettetela in frigo per 45 minuti almeno.
Preparate due stampi (io ho usato 1 stampo in silicone per cupcakes e uno per tartelette), ungendoli se non in silicone. Accendete il forno a 180C. Riprendete la pasta. Staccatene pezzetti piccoli, stendeteli con un mattarello e tagliate delle forme rotonde che si adattino allo stampo, poi riempite gli stampini e bucherellate il fondo con una forchetta. Coprite ogni tarteletta con pirottini da muffin e mini-muffin e riempiteli di riso. Infornate per 10-15 minuti, fino a quando i bordi cominciano a dorarsi.
Tartelette 1
Sfornate e lasciate raffreddare su una griglia. io ho fatto un secondo giro, mentre aspettavo che la prima infornata fosse pronta ho rimesso la pasta in frigo.
Note: sul fondo delle tartelette i pirottini hanno lasciato un po' di colore, se volete evitarlo per coprite la base usate della carta forno tagliata nella giusta dimensione.
Ora avete un'ottima base da farcire come più vi piace! Dalla classica crema pasticcera e frutta a qualcosa di più fantasioso e chi più ne ha più ne metta e mi faccia sapere la sua versione! Presto presto vi farò vedere cosa ci ho fatto io.

PASTRY DOUGH FOR TARTELETTES
This pastry dough is so easy to make and turned out perfect and so light but strong enough to support the filling… I'll use it again for sure.
Ingredients for 23 tartelettes:
200 g flour
100 g very cold butter, cut in little pieces
30 g sugar
½ tsp salt
1 egg, beaten with 2 tsp of water

Find the recipe here. Use these tartelettes shells for any kind of filling you like! Soon I'll show you what I did with them, in the meanwhile why don't you let me know what's your suggestion??? I'm sure I would be glad to try any of your interpretations!
Tartelette 2

Saturday, July 14, 2012

Hawai'ian memories...

Ormai sono passati 2 mesi da quando ci siamo trovati in paradiso… Le foto sono troppe e postarle mi faceva quasi male (VOGLIO TORNARE LÍÍÍÍÍÍÍÍ!!!!!), ma visto che qualcuno me le ha chieste… Ho fatto un piccolo collage, le foto sono piccoline e tagliate ma… giusto così, per darvi un'idea. E poi, mica posso rovinarvi la sorpresa!!!!
Enjoy….
Hawai i 1
Hawai i 2
Hwai i 3
Hawai i 4
Hawai i 5
Hawai i 6
(pianto disperato…. :''''(((((((( Buuuuuu!!!)

Monday, July 9, 2012

Cookies al cioccolato bianco e noci macadamia

Dalle Hawai'i mi sono fatta portare un paio di confezioni di Macadamia Nuts. Ho fatto scorpacciate incredibili laggiù, tra cookies e tutti i vari tipi di macadam che hanno li. Ne ho anche prese un bel po' come regalini, perché sono una cosa prelibata e unica, che non puoi non adorare se già ti piacciono gli altri tipi di noci. la macadamia hanno un gusto particolare, che si abbina a cioccolato bianco, nero, burro, caramello, caffè, miele e anche al salato. Insomma una bontà. Uno tra i miei cookies preferiti e' il white chocolate macadam nut cookies. Quindi mi son data da fare per le nostre giornate in spiaggia. Dopo aver visto la velocità' di sparizione di questi, non volevo rischiare di mettere su 2 kg in un pomeriggio, e mi son dovuto sacrificare e dividerli con gli amici… Non tutti, però! Ne ho conservati un po' solo per noi… Un buon caffè hawaiano Vanilla e Macadamia e questi biscotti e la giornata inizia alla grande!!! Peccato debba continuare in ufficio, però… Quando con la mente sei già in spiaggia con la tavola da surf accanto.

Whire Chocolate Macadamia Cookies 3

Ingredienti (circa 36 biscotti)

115 g burro
100 g zucchero
100 g zucchero di canna scuro
1 uovo
1 cucchiaino di vaniglia
190 g farina
5 g bicarbonato di sodio
1 pizzico di sale
5 g lievito
120 g fiocchi d'avena
140 g cioccolato bianco
40 g cioccolato al latte/fondente (se volete solo una parte dei biscotti con entrambi i cioccolati. Io per provare l'ho aggiunto solo a meta' impasto, ma ci sta da dio quindi consiglio di aumentare la dose a 140 g e di utilizzarlo per tutti i biscotti).
135 g noci macadamia spezzettate

Lavorate il burro a crema (a me che non ho il robot da cucina con il gancio a pala piace lavorarlo prima da solo, pi aggiungerci lo zucchero) con gli zuccheri, dopodiché aggiungete l'uovo e la vaniglia.
In un'altra ciotola mescolate farina, bicarbonato, lievito e un pizzico di sale. Unite il mix di farina al mix con l'uovo, mescolate bene. Unite i fiocchi d'avena, il cioccolato bianco e le noci macadamia. Date una rimescolata e mettete in frigo mentre preparate le teglie.

White Chocolate Macadamia Cookies 1

Accendete il forno a 180 C.
Preparate due placche da forno o teglia grandi, foderate il fondo con carta forno. Prendete l'impasto e fate delle palline con le mani, sistematele a una distanza di 4-5 cm l'una dall'altra sulle teglie.
Quando vi e' rimasto meta' impasto, aggiungete il cioccolato al latte/fondente spezzettato e mischiate. Continuate a fare le palline (io ho dovuto cuocere in due tempi).
Infornate per 10-15 minuti. Fate attenzione a non bruciare i biscotti e a tirarli fuori quando sono dorati ai bordi. Io ne ho fatti alcuni un po' più cotti per il sapore più intenso. Sono entrambi ottimi, una prelibatezza. Adoro i cookies americani! Ve lo avevo già detto??
Lasciateli raffreddare e conservateli in un contenitore ermetico fino a 3 giorni. Dopodiché inizieranno a seccare un po'.
Questi biscotti sono fantastici e sono passati in testa alla mia classifica personale! Fino a quelli dopo, che mi hanno creato problemi nella classifica…… Ma di quelli, vi parlerò in un altro post. Per ora… pucciate, azzannate e godete!!!!

Variante: Provate ad aggiungere un po' di polvere di caffè all'impasto per una carica golosa ancora più energetica!!!

White Chocolate Macadamia Cookies 4


WHITE CHOCOLATE MACADAMIA COOKIES

From Hawai'i I brought back a couple of packages of macadamia nuts because since I tried the macadamia cookies there, I couldn't stop thinking about making them, a tons of them, and eat them all. Actually, I did make them, and I did make a tons of them, but I didn't really eat them all… After these, Professor Bear and I agreed on sharing them with our friends, at the beach. We are both too weak to not finish them all in one night, completely out of control. But I secretly hid some for next day's breakfast…. Aaaahhhhh…..cookies! With an Hawaiian Vanilla Macadamia Coffee and these cookies, your day couldn't have a better start! It just sucks that, after this goodness, you still gotta go to work. Aw well… I know, I whine too much. I need another cookie!!!!

Ingredienti (about 36 cookies)

½ cup butter, softened
½ cup white sugar
½ cup brown sugar
1 egg
1 tsp vanilla
1 ½ cup all purpose unbleached flour
1 tsp baking powder
1 tsp baking soda
a pinch of salt
1 ½ cup instant oatmeal
¾ cup chopped white chocolate
¼ cup chopped milk chocolate/bittersweet chocolate (or more, I only made few cookies with both chocolate, but they were really good so I suggest you to use milk chocolate for all of them. Use ¾ cup of it)
6 oz dry roasted macadamia pieces for baking

White Chocolate Macadamia Cookies 2

Beat the butter and the sugars until creamy, then add the egg and the vanilla. In another town mix the flour with the baking soda, the baking powder and the salt. Add the flour mix to the egg mix, stir well. Add the oatmeal, the chocolate and the nuts. Stir and put in the refrigerator for a while.
In the meanwhile, switch on the oven at 180C (350F) and prepare 2 baking sheets with parchment paper. Take your cookie dough and make little ball using your hands or a gelato scoop. Place the cookies on the parchment paper keeping a 2 inches distance between them. They won't flatten while baking, but it's always good to make sure they have some space.
Bake for 10-15 minutes, until the edges start to get golden. For a crispier cookies, bake a couple of minutes longer, but keep an eye on them! Let the cookies cool on a rack and store in an airtight container up to 3 days.

Variant: Add a little coffee powder to the batter for an even more energetic goodness!!!!!

Sunday, July 8, 2012

Torta al limone di Donna Hay

Avete presente quando vi parte lo schizzo e DOVETE infornare qualcosa? Non sapete cosa ma volete accendere il forno e tirarne fuori qualcosa di buono, una coccola per il pomeriggio, un bocconcino per addolcire il weekend. A me succede così, di solito mentre siamo in giro, mi fermo ed esclamo: "I gotta go home. I need to bake something. What would you like me to bake?". E il Professore, che ormai e' abituato ai miei raptus forniferi e mi asseconda perché poi se magna, stavolta ha detto "qualcosa al limone". Nel mio archivio avevo una sola ricetta che prevedeva ingredienti che avevo a casa, cosi la scelta e' stata facile. La ricetta e' di Kiara (cioè, e' di Donna Hay, ma io l'ho trovata qui).
Torta al Limone  di Donna Hay
Ingredienti (stampo 23cm)
125 g burro
180 g zucchero
scorza di un limone grattugiata
2 uova
220 g farina
2 cucchiaini di lievito vaniglinato
120 ml panna
succo di 2 limoni

Sbattete il burro col lo zucchero, aggiungete la scorza di limone, le uova e sbattete bene. Aggiungete la farina, il lievito, la panna e il succo dei limoni. Mescolate bene e versate nello stampo coperto di carta forno. Cuocete a 180C per 40 minuti circa (vale prova stecchino).
Coprite con zucchero a velo o con glassa al limone. Stavolta ho scelto lo zucchero al velo per mancanza di ingredienti e perché avevo voglia di assaggiarla subito! ;)
Gustatevi questa delicatezze, e' morbida, buona e profumatissima! Una vera coccola...

DONNA HAY'S LEMON CAKE
Does ever happen to you, a sudden need to bake something? You have no idea what to bake yet, but you just want to switch on the oven and get something good from it, a little cuddle for your afternoon, a tasty bite to make the weekend nicer. That's what happens to me, usually while we are out doing something completely unrelated to baking, I stop walking, I turn to Mr Bear and I say:  "I gotta go home. I need to bake something. What would you like me to bake?". And the Professor, who now is used to my sudden needs of baking, has learned to take advantage from them, and this time he said: "Something with lemon". In my files, I only had this recipe for which I didn't need to go shopping, so it was an easy choice. The recipe is from Donna Hay.
Ingredients:
125 g butter
180 g sugar
lemon zest (of 1 lemon)
2 eggs
220 g flour
2 tsp baking powder
1 tsp vanilla powder
120 ml cream
the juice of 2 lemons

Beat the butter with the sugar until creamy, then add the lemon zest, the eggs and beat well. Add the flour, the baking powder, the cream and the lemon juice. Stir well and pour into a baking pan (20 cm), covered with parchment paper. Bake at 180C for about 40 minutes (make the toothpick test for doneness).
Sprinkle with powdered sugar or lemon glaze. I've chosen the first solution because it was the fastest way to get a bite of it… ;P
Enjoy this delicatessen, it's soft, good and it smells wonderful. A real cuddle... 

Monday, July 2, 2012

Cookies all'avena e burro d'arachidi

Siamo alle solite. Lo sapevo che non mi dovevo fidare di me! E' sicuro, certo, confermato: ho la sindrome del vasetto vuoto di burro d'arachidi. Un vasetto pieno non ci può stare in casa mia, e' come se non potessi proprio sopportarlo. E non c'e' nulla che mi possa guarire, dovrei semplicemente non comprarlo, SOPRATTUTTO quando alla Metro c'e' il vasetto da 560 g di cui 90 in regalo. Perché il Professore non mi ha fermato?? Perché? Forse perché lui non sa cosa fa la sottoscritta non appena capita che lui esce di casa e io resto da sola. E' quasi automatico, mi fiondo in cucina, salgo in piedi su una sedia per raggiungere lo scaffale alto in fondo dove ho nascosto (ma da chi? Da me stessa? illusa….) il famigerato Skippy Crunchy Peanut Butter, cucchiaino (quando non faccio ancora più schifo, e mi ci avvento col cucchiaio), e vai, giù uno dopo l'altro (sempre in piedi sulla sedia). Non faccio schifo? Secondo me si, soprattutto quando mi causa dolori di pancia per i 7 giorni successivi, eppure non smetto. Ma cosa devo fare?? Insomma tutta sta premessa per arrivare alla ricetta di oggi, un modo come un altro per far fuori quel che restava nel vasetto e farla finita coi mal di stomaco, almeno fino alla prossima volta che ci ricasco.
Ho fatto un miscuglio, tra ricette di oatmeal cookies e peanut butter cookies, questo e' quello che ne e' venuto fuori. 
Buoni, anche se un po' troppo dolci per i miei gusti -decisamente la prossima volta ridurrò lo zucchero- , ed esattamente come piacciono a me: soft, anzi meglio chewy, e restano così senza indurire o seccarsi per giorni, meglio se conservati in un contenitore ermetico. A me i cookies americani fanno impazzire, da soli o pucciati. In questi giorni ne ho preparati 4 tipi diversi (stay tuned!), tutti un successo! Però siam sempre li, con la storia dell'autocontrollo…. mi ammazzo in palestra per poi ammazzarmi di biscotti. Quelli che sono in forno adesso sono per i bimbi di un signore che lavora per Mister Bear… Li ho visti muoversi dappertutto e bruciare probabilmente 1000 calorie al secondo. non credo si faranno problemi a godersi i miei biscotti.
Oatmeal Peanut Butter Cookies 3
NOTE:  
Riducete drasticamente lo zucchero, io farei 120 g di bianco e 180 di canna.
- I biscotti non si allargano in cottura, ma mantenete in ogni caso la distanza fra uno e l'altro… non si sa mai.
- Non appiattiteli troppo con la forchetta, rendono al massimo da "panciuti", e ne rimane inalterata la morbidezza.

Ingredienti:
170 burro d'arachidi
100 g burro
1 cup zucchero
¾ cup brown sugar
1 cucchiaino di vaniglia
2 uova
200 g farina
5-6 g bicarbonato di sodio
6 g sale
3 g cannella
200 instant oatmeal (fiocchi d'avena)

Riducete il burro a crema con un cucchiaio, poi aggiungeteci il burro d'arachidi, mescolate bene per amalgamare, unite gli zuccheri e la vaniglia e sbattete con le fruste. Aggiungete le uova, una per volta, e amalgamate bene.
Oatmeal Peanut Butter Cookies 1
In un'altra ciotola combinate la farina, il bicarbonato di sodio, il sale, la cannella. Unite questo composto a quello delle uova, mescolate bene, poi unite i fiocchi d'avena. Amalgamate il tutto, e formate i biscotti facendo delle palline, sistemandole sulle teglie coperte di carta forno, distanti l'una dall'altra circa 2,5cm.
Inumidite una forchetta, poi pucciatela in un po' di zucchero, e schiacciate leggermente le palline, immergendo la forchetta nello zucchero ogni volta.
Cuocete a 180C per circa 10 minuti. Lasciate raffreddare prima di rimuovere i cookies dalla teglia.

I think i have a disease. I can't have a jar of peanut butter -doesn't matter how big it is-, without finishing it as fast as i can. i honestly don't think that's normal. That said, it wasn't probably a very smart idea to buy a 560 g peanut butter jar, just because 90 g were free. I wished someone had stopped me. But nobody did, so there i was, standing on a chair in the kitchen to reach the jar that I tried in vain to make it difficult to reach for a 5.2 ft piece of girl -me-, grabbing a spoon ready to sin.
After 7 days of stomach ache and tummy pain I had to think about a way to get rid of what was left. that how I made up these cookies, taking recipes here and there, mixing them in one new recipe, forgetting it, and trying to rewrite it. And there you go!
I love american cookies because they are chewy and they are perfectly good by themselves or dip in milk, coffee or caffelatte. In these last few days I'm baking so many different kinds I should really give it a break but…. but…. they are so awesome!!!!

Notes:
- Reduce the sugar, I would suggest 120 g of white sugar and 170-180 of brown sugar.
- The cookies don't spread in the oven, but it's always better to leave them a little space -2inches.
- Don't press them too hard with the fork, they give their best as soft, chewy, big puffy cookies if you leave them tall and 'plumpy' (word of my creation, -I love making up new words!- , hope you can get the meaning).

OATMEAL PEANUT BUTTER COOKIES
Ingredients (3 dozens)
170 g peanut butter (I added another couple of spoons)
100 g butter
1 cup white sugar
¾ cup brown sugar
1 tsp vanilla
2 eggs
200 g flour
5-6 g baking soda
6 g salt
3 g cinnamon
200 g instant oatmeal
Oatmeal Peanut Butter Cookies 2
Work the butter to make it creamy, then add the peanut butter and mix melt until combined. Add the sugars and beat well. Add one egg at a time, and vanilla, always mixing.
In another bowl mix the flour, baking soda, salt and cinnamon. Add the flour mix to the eggs mix, stir well. Finally add the oatmeal. Combine everything and you are ready to make the cookies!
Shape 1,5 inches balls and place them on a baking sheets with parchment paper. Keep a little distance between the cookies.
Bake at 180 C for about 10 minute. Let them cool before removing from the pan.
Oatmeal Peanut Butter Cookies 4
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...