Thursday, June 19, 2014

L'estate sta arrivandoooooo...... E facciamoci un Limoncello e un Surriento!!

Devo ammettere che ogni tanto il Professore si entusiasma su un'idea e cerca il mio appoggio per realizzarla, e se glielo offro -sempre- alla fine qualcosa di buono ne esce! In questo caso, si è impuntato sul fare il Limoncello. Qui gran parte degli americani non l'ha mai neanche sentito nominare, ma lui lo conosce bene perché a Qingdao un mio ex collega ha aperto un ristorante italiano e produceva non solo il limoncello, ma anche l'arancino ed erano entrambi buonissimi.


E quando il Professore si mette in testa qualcosa, non c'è nulla che lo fermi, né il fatto di dover comprare bottiglie uguali, né l'assenza a casa nostra di qualsiasi contenitore da almeno 2 litri a chiusura ermetica, né il fatto che qui è dura trovare alcol puro, e l'unico che siamo riusciti a trovare dopo aver girato vari posti è stato uno a 75% per un prezzo esorbitante! Ma niente da fare, era partito e con un po' di fortuna siamo riusciti a trovare tutto il necessario per il primo tentativo di Limoncello. abbiamo persino preso i limoni organici, pensa un po'.
Quella stessa sera ci siamo messi a sbucciare limoni. Abbiamo seguito ricette diverse, anzi meglio: tempistiche diverse. Il suo limoncello è ancora in infusione (lo vuole lasciare per 1 mese), quindi non so dire come sia, ma il mio era pronto la settimana scorsa e lo posso recensire.


Dopo qualche ricerca online, ero in realtà un po' confusa: su GialloZafferano ho trovato tempistiche di riposo lunghissime, ma la maggior parte dei commenti diceva che era amaro, e altri rispondevano che a lasciare le bucce nell'alcol tanto a lungo ovvio che viene amaro. Altri siti dicevano di lasciarle solo una settimana, e poi nella bottiglia un'altra settimana. Altri non parlavano per niente di riposo in bottiglia.
E tutti utilizzavano alcol puro al 95%, e noi qui avevamo una gradazione meno forte. Insomma alla fine ho usato una via di mezzo e un po' di fortuna e intuito.
Vi lascio non solo la mia ricetta per il limoncello, che è uscito buonissimo, ma anche quella per un cocktail da preparare con lo stesso, che è la cosa più rinfrescante che io abbia mai bevuto, l'alcol quasi non si sente, ed è perfetto per chi non ama cocktail troppo forti, o da sorseggiare in una calda sera d'estate. Ho già deciso che ne preparerò quantità immani per il nostro matrimonio!

Aggiornamento: il limoncello del Professore lo abbiamo fatto aggiungendo più acqua che per il mio. Già da subito si sente la differenza, quindi vi lascio anche quelle proporzioni che vanno benissimo se volete un limoncello classico, da sorseggiare puro. Se invece volete utilizzarlo come base per dei drinks, consiglio di utilizzare la prima ricetta, che è un pochino più forte. Il procedimento è lo stesso.


RICETTA 1 - LIMONCELLO PER COKTAILS (COME "SURRIENTO" -vedi sotto)

Ingredienti (per 2 litri di limoncello)

10 limoni organici
1 l alcol 75%
1 l acqua
600 g zucchero


RICETTA 2 - LIMONCELLO PER SHOTS

Ingredienti (per 2,3 litri di limoncello)

10 limoni organici
1 l alcol 75%
1,3 l acqua
640 g zucchero

Per prima cosa, con uno sbucciapatate sbucciate i limoni della loro scorza gialla, facendo molta -MOLTA!- attenzione a non rimuovere la parte bianca che è amara. Potete sminuzzare grossolanamente le scorzette per renderle più piccine prima di metterle a bagno nell'alcol in un contenitore chiuso ermeticamente. Il contenitore deve stare in un luogo scuro, asciutto e possibilmente fresco, oppure potete foderarlo di carta stagnola tutto intorno per proteggerlo dalla luce. Io l'ho sia foderato che messo dentro una scatola nel ripostiglio :).


Ce l'ho lasciato 2 settimane, andando a scuoterlo un pochino 2-3 volte in tutto.

Dopo due settimane il colore era bello giallo e mi sembrava pronto, così ho preparato lo sciroppo mettendo a scaldare l'acqua e poi aggiungendoci lo zucchero, mescolando finché tutto lo zucchero si sarà sciolto. Fate raffreddare.


Una volta freddo, versate lo sciroppo dentro il contenitore con le bucce di limone e l'alcol, mescolate bene e poi è il momento di filtrare. 


Mettete un bel colino sopra una ciotola capiente, e rovesciate tutto quanto. Le bucce resteranno nel colino e voi avrete il vostro limoncello pronto per essere imbottigliato!


Prendete le vostre bottiglie sterilizzate e con un imbuto travasate il nettare degli dei...


Io a questo punto non avevo ancora deciso come procedere, quindi ho assaggiato il limoncello... Era fortissimo. Quindi l'ho imbottigliato e lasciato 'riposare' sempre al fresco e al buio per altre 2 settimane. Trascorso questo tempo era perfetto. Non ci volevo credere! Immagino sia stato lo zucchero che ha avuto tempo di sciogliersi bene e 'ammorbidire' il grado alcolico.

Insomma, ci vuole solo un po' di pazienza per le tempistiche ma è semplicissimo! E potete gustarvelo così, da solo, bello ghiacciato. Oppure, se preferite qualcosa più light, potete utilizzarlo per farvi un drink buonissimo che ho assaggiato poche settimane fa a un evento a cui ho partecipato con la pasticceria in cui lavoro. A Coral Gable si sono riuniti tutti gli italiani con un business a Miami o dintorni, e durante la pausa io e la mia collega siamo andate a farci un giro, in particolare per cercare lo stand da cui il nostro capo ci aveva preso un drink rinfrescantissimo e delizioso, limonato ma non troppo, che andava giuù che era un piacere! Ed era analcolico. 
E invece arriviamo allo star, prendiamo altri due drink e vedo che dentro ci stanno mettendo il limoncello!!!! La signora mi spiega come farlo e mi dà pure un volantino con qualche ricetta, e così scopro che questo drink si chiama Surriento, e che si realizza così:


SURRIENTO DRINK

Ingredienti:

1.5 oz di limoncello (44 ml ad essere precisi, andate a shot... o 1 o 2 se lo volete più forte/volete ubriacarvi prima)
3.5 oz acqua tonica (100 ml)
ghiaccio
scorzette di limone


Versate il limoncello sul ghiaccio, riempite con acqua tonica, decorate con qualche scorretta di limone.

***

LEMONCELLO

I'm not sure whether or not American people are familiar with this liquor, but what I'm sure is that if they tried it, they'd love it!
Who could not love some very lemony, very smooth and refreshing liquid? In South of Italy Lemoncello (the real name is 'Limoncello", from 'limone'(=lemon), so I changed it in English because 'lemon....cello'!... You follow me?

Anyway, we drink it after dinner, and at restaurant Lemoncello is always in the list of 'digestivi', some  alcoholic liquor which are taken after a big dinner to help digestion. If you drink too many, you'll end up drunk, because the are quite strong but you don;t feel it since they are smooth and sweet and so great!

I introduced my fiancé to Lemoncello when we were living in China, and my friend who owns a restaurant there started to make it. He fell in love with it and few weeks ago he insisted that we'd try our own. Not only, he wanted to make it right away! So we went grocery shopping and we also managed to get the bottles and container that we needed. We did some research online and at the end we made our own recipe, since in the USA we couldn't find 100% pure alcohol. We made 2 batches, following slightly different proportions, and they both taste great! I'll leave you both the recipes, the procedure is the exact same.

We use the first recipe, slightly stronger, for cocktail and drinks (like the "Surriento" below), and we drink the one from the 2nd recipe pure, in a shot glass.



1st RECIPE - LEMONCELLO FOR COCKTAILS AND FROZEN DRINKS 

Ingredients for 2 litters of lemoncello:

10 organic lemons
1 l 75% pure alcohol
1 l water
600 g granulated white sugar


2nd RECIPE - LEMONCELLO or MELLOW YELLOW CELLO (as the Man named it :))

10 organic lemons
1 l 75%pure alcohol
1,3 l water
640 g sugar

The first step is to peel the lemons of their yellow skin. With a carrot peeler, try to get all of it leaving the white part behind: this is important because the white part is bitter and would ruin your lemoncello. Cut the peel a little more finely, using a knife, then put it in a large jar(at least 2 l) and add the alcohol. Close the jar hermetically and place it in a dark cool place. You can also cover the hat with foil so that it won't get any light. Let this rest for 2 weeks, shaking it once in a while (2 times will do).


After the 2 weeks have passed by, the alcohol should be a nice yellow color. Prepare your syrup by heating up the water and adding the sugar. Mix until the sugar is completely dissolved, then let it cool.

Add the syrup to the alcohol and lemon mixture, stir it well. Now it's time to filter it. Take a big bowl and place a strainer on top of it. Pour in the lemoncello. All the zest will remain in the strainer, and can be thrown away. What is left now is your lemoncello! The only thing left to do is pour it in your nice bottles. With a ladle and a funnel transfer the Gods nectar into your bottles, and close them hermetically. Let them rest for 1-2 weeks before the lemoncello is ready to be enjoyed!


About the drink I was talking about, I've tried it at an italian event in Miami, and I fell in love. Not just me, everybody who tasted it did! It was sooo refreshing, slightly lemony, and we were sure it was  not alcoholic. I went to the lady who was offering it and asked, so I was told about what it was and how to make it. And here it is, a perfect drink for summer, refreshing, lemony and the alcohol is so subtle no grandma will ever feel it! I'm planning on making a whole bunch of little bottle of lemoncello to give to friends and family as a welcome gift at our wedding, and to prepare big bowls of this drink to offer to everyone. I'm sure they'll all love it!


SURRIENTO DRINK

Ingredients:
1.5 oz lemoncello
3.5 oz tonic water*
ice cubes
lemon peel

*if you don't like tonic water you can also use Club Soda or a mix of the two.


Pour Lemoncello on ice cubes and fill up the glass with tonic water. Add a twist of lemon peel. Enjoy outdoor on a summer day. With friends. Family. At sunset. Be happy :)!





2 comments:

  1. Io faccio sempre il limoncello come nella tua prima ricetta, ma con alcool a 95° e mettendo 0,90 litri di acqua. Riguardo al tempo di infusione delle scorze nell'alcool io le lascio solo 24 ore ed è perfetto! Poi, dopo che è pronto, lo conservo al buio per una settimana. Infine lo metto in congelatore o in frigo. Io faccio a casa anche molti altri liquori, tra cui la crema di limone, il mirto e l'amaretto con semi di nespole. Ciao

    ReplyDelete
    Replies
    1. non diventa troppo forte? io ho trovato il mio un po' forte... però eè difficile confrontarlo senza averne un altro davanti. a proposito di 'crema'.... sai dirmi che differenza c'è tra il limoncello e la crema di limoncello? il mirto lo fa mia zia (io sono di famiglia sarda) ed eè una cosa di cui vado matta!!!! peccato non poterlo fare qui :(

      Delete

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...