Wednesday, April 29, 2009

Premietti belli e barzelletta




Passo apposta per ritirare i premi che mi ha assegnato Cristina, gentilissima, sono proprio belli!!
Prima però devo raccontare una barzelletta o una storiella divertente...
Mi scocci aperchè conoscevo un sacco di barzellette carinissime ma ovviamente ora che servono chissà dove sono andate a finire!!! Quindi opterò per una storiella che in genere mi viene in mente quando sono un po' allegrotta....

Un bel giorno un bruco si sveglia, si stiracchia, si guarda allo specchio e decide che è giunta l'ora di dimenticare la sua passata relazione e di fare qualche nuova conoscenza. Si sistema bene bene, si mette il gel, si veste elegante ed esce a passeggiare.
Ad un tratto vede avvicinarsi una bella bruca, decide di farsi avanti e le dice "Ciao bella bruca, come ti chiami?"
"Jean"
"Ma che bel nome! Ti va di uscire con me?"
"Uhm... sì dai, usciamo!" dice la bruca. E inizia così una bellissima storia d'amore. Dopo 4 mesi però finisce, il bruco si dispera un po' poi quando si sente meglio esce di nuovo a caccia.
Vede un'altra bella bruca avvicinarsi, sembra ancor più affascinante della precedente, così le si avvicina e le chiede "Ehi ciao bella bruca, come ti chiami?"
"Jean"
"Oh, anche tu? Che bel nome! Senti maaa... che ne diresti di uscire con me?"
La bruca ci pensa un po' su, poi acconsente e cmincia un'altra bella storia d'amore, stavolta intensa ma più breve. Dopo soli 2 mesi infatti il bruco è di nuovo solo. Si sistema bene bene ed esce in cerca di una nuova compagna. Ne vede una, le si avvicina e le chiede "Ciao bella bruca, come ti chiami?"
"Jean" risposnde lei.
"Anche tu!! Ti andrebbe di uscire con me?"
La bruca lo squadra dalla prima all'ultima zampa, poi squote la testa e dice "No, grazie".

La morale della favola?

Non tutte le Jean belle escono col bruco!!!


Ahahahahhahhahha!!! Vi prego ditemi che l'avete capitaaaaaaaaaaaa!!!



Per ritirare il Premio "Blogger simpatico" le regole sono:
1) Scrivere una barzelletta o un racconto che ritenete buffo e divertente.
2)Assegnare il premio a 5 blog linkandoli


Lo assegno a 5 blog che non ho ancora premiato, quindi a Babi & Stefy, Spizzichi&bocconi, Kristel, FiòFiò e Muccasbronza.

Auguro buonanotte a tutti!!

ps. Un ringraziamento particolare a una persona che ho conosciuto tramite Swap, ve lo ricordate?? Non abbiamo mai smesso di sentirci per mail e oggi l'ho ritrovata su Facebook, e ho scoperto che è una persona davvero piena di vita e di entusiasmo, quindi grazie a Muccasbronza e alla sua bella iniziativa e un abbraccio particolare a Viviana.

Pps. Notizia del giorno... o meglio, dell'ultim'ora... Il tedeschino, sìsì proprio lui... Ci ho chattato poco fa e mi ha chiesto il permesso di mettere "Impegnato" nel suo profilo su Facebook...

cooosa???? Uè, ragassuolo, ma corriiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii neeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeéééé!!!!

Tuesday, April 28, 2009

Coccole e cioccolate

Non baciate un uomo in pubblico e non andate a correre fuori in Cina se non volete sentirvi osservate come delle falene al microscopio! Ieri mattina la giornata era splendida e senza troppo vento stranamente, così siamo uscite e siamo andate a correre, sempre sul viale che costeggia la spiaggia... Alla sinistra c'è un grandissimo parco verdeggiante, quindi abbiam pensato... "Perché no?" e ci siam messe lì a fare esercizi, anziché tornare a casa. Verticali, salti, addominali, glutei... Di tutto un po'. Non c'era molta gente, e basta far finta di niente per non sentirsi troppo a disagio; ma mentre facevo glutei è venuta una bimbetta di due-tre anni, si è accoccolata davanti alla mia faccia grondante, e si è messa lì a fissarmi. Io le ho fatto un sorriso, e devo essere arrossita pure un po', perché ho sentito ancora più caldo. Dopo un po' si è pure seduta sulla pietra a cui appoggiavo le mani, così ho tentato di iniziare una conversazione, mentre nella testa continuavo a contare 5..6..7... e 8! Lei ha risposto, a scoppio ritardato, e quando il nonno l'ha chiamata non voleva più andare via. L'ho salutata e lei ha risposto "Zaijian...".

Domenica ci siamo incontrate coi ragazzi tedeschi. Ero un po' titubante, perché temevo di andare incontro a una delusione, visto che la sera sono sempre tutti più belli e più brillanti. E invece no, quando ho visto il mio cavaliere da lontano ho dovuto abbassare la faccia per nascondere un sorriso... Quanto è carino!!!! Siamo andati a prendere il battello per raggiungere l'isola e la giornata era fantastica, a parte il vento fortissimo.
Sull'isola siamo andati a mangiare i frutti di mare in un posto vicino alla spiaggia... C'erano un sacco di bacinelle, tu sceglievi cosa volevi e loro lo cuocevano all'istante.



Abbiamo mangiato della vongole strabilianti, enormi!! Qui si usano moltissimo. Mio padre ne andrebbe pazzo!!



Poi siamo andati sulla spiaggia a passeggiare un po', e abbiamo parlato, parlato, parlato... tutto il pomeriggio. Alle 18,30 ci siamo resi conto dell'ora e ci siamo ricordati che l'ultimo battello partiva alle 18... ...azzo!!!

Per fortuna siamo riusciti a prendere una specie di pulmino-taxi abusivo che ci ha portati di corsa alla stazione traghetti e siamo poi riusciti a tornare a casa! Ovviamente poi appena sole io e Alessia siamo riuscite a prendere il pullman sbagliato e quindi aridaie a piedi per un bel po' po' di strada... Ma ne abbiamo aprofittato per scattare qualche foto al paesaggio notturno...



Oggi invece sono uscita da sola. Ho incontrato questo ragazzo... scusate, non dico il nome perché oggi gli ho mostrato il mio blog, perché tanto è in italiano e lui non capirebbe niente, ma se trovasse il suo nome beh... stupido non è! Ho scoperto parecchie cose in più sul suo conto, è sempre più interessante. E sa cucinare!!!! Fantastico...! Per me è carinissimo, per chi ha il mio contatto facebook lo può vedere, è nell'album intitolato "Gite, Qingdao e dintorni: Xijiang island e tempio buddista", la foto con due ragazzi coi piedi nell'acqua... E' quello a sinistra, coi pantaloni chiari e la faccia da bambino... Non è adorabile??? Comunque... Oggi mi ha coccolata alla grande, mi ha preparato la cioccolata calda che sua mamma gli ha inviato da casa, e aveva comprato il panbrioche per pucciarcelo dentro!! Che carinoooooooooooooo!! Ok ora basta che sembro una deficiente. Comunque mi ha colpito che nonostante la lingua diversa riusciamo a capirci così bene e a parlare sempre. Siamo simili per un sacco di aspetti! Va beh avevo detto che la smettevo no?

Dunque che dire di altro? Oggi ho avuto la mia ultima lezione col primo gruppo di studenti, ho mostrato loro alcune foto e le ho prese come inizio per chiacchierare e farli parlare un po' d'inglese. Mi ha fatto piacere che quando ho detto loro che era la mia ultima lezione loro mi hanno detto che erano molto dispiaciuti... Carini!!!

Ieri sera la cena con le ragazze cinesi è andata benone, abbiam rifatto gli spaghetti al sugo (li sto odiando), e una semplicissima omelette... Sono impazzite!!! Se sapessero che a casa nostra si fa l'omelette al formaggio quando mia madre non ha niente in frigo... A proposito, ho saputo due brutte notizie: mia sorella ha bocciato (è illesa, solo la nostra Yaris ha un'ammaccatura), e mia mamma è stata derubata. Addio soldi, patente, documenti, bamcomat, ricordi, chiavi ufficio, e via dicendo... Accidenti!! L'ho sentita molto giù per mail, spero non si sia spaventata troppo. Tornando alla cena di ieri, le ragazze ci hanno portato dei pensierini:
Cioccolatini, cioccolatini alla nocciole, fagioli rossi, panini e biscotti alle arachidi.



Mentre scrivevo qui stasera mi sono quasi finita un pacchetto di fagioli o datteri, ancora non l'abbiamo capito.
Domani sera i ragazzi cinesi cucineranno per noi, e poi arriverà giovedì, e giovedì sera forse rivedrò il mio tedeschino. Ha 27 anni ma ne dimostra 23, a guardarlo sembra davvero un bimbo! E poi per venerdì mi ha parlato di cena fuori al ristorante cinese, e poi chissà... venerdì è festa, la festa dei lavoratori, se fosse bello potremmo fare un barbecue sulla spiaggia con una sua amica cinese e il suo ragazzo... vedremo e vi aggiornerò! Io non vedo l'ora!

Stasera non so perché ma mi sentivo in pace col mondo, erano secoli che non mi scambiavo tante coccole così... Sono scesa dal pullman una fermata prima per comprarmi da mangiare, e ho voluto provare un nuovo banchetto di jiaozi... stavolta bolliti. Io li preferisco al vapore ma dopo una certa ora non si trovano più, e poi sono in un'altra via, non di strada, quindi... Quando li ho chiesti il ragazzo me li ha fatti sul momento, così nel frattempo abbiamo chiacchierato un po'. Avrò aspettato almeno 15 minuti lì al vento, ma non mi scocciava per niente. Che serenità! La libertà non ha proprio prezzo... Ale non era a casa (usciva con il suo tedesco), quindi ho fatto la strada con calma, col mio sacchettino in mano, sono arrivata a casa, messa comoda, acceso il computer... Ora sto chattando col mio migliore amico raccontandogli di oggi e intanto aggiorno voi. La mia pancia è soddisfattissima della cena, ma mi rimprovera perché dei fagioli rossi non c'era proprio bisogno, per di più adesso ho una sete che non mi farà dormire, mannaggia a me!! Ma sì... take it easy!!

:D


Friday, April 24, 2009

E non saranno i marinai... tatatatata-tataaaaaaaaa....



Eh marinai non furono, perché a quanto pare continuano a darci informazioni sbagliate... Ovunque andiamo ci chiedono se siamo della Marina (??? ma ti pare???), ma noi sta Marina non riusciamo proprio a trovarla.

La serata ieri è iniziata malissimo, siamo andate al solito nostro posto preferito ma era pressochè vuoto! Ma come, è venerdì!! I nostri amici erano appena tornati dalla palestra e aspettavano nostre notizie, un altro tizio (conosciuto venerdì scorso), dopo aver detto che non ci avrebbe più chiamate (odiamo le persone insistenti...) ci ha dato appuntamento in un altro posto (-.-'), e noi eravamo lì da sole come due poverette ad aspettare le divise... Non sapevamo il da farsi ma alla fine abbiamo cambiato posto, e siamo andate nell'unico di cui conoscevamo l'indirizzo, dove sapevamo di non trovare la cozza insistente e dove pensavamo di aspettare i nostri amici, pensando di guardarci un po' intorno durante l'attesa. Siamo entrate e di nuovo tutto pieno di coreani e cinesi!!! Ma insomma, io non ho nulla contro di loro, ma ogni tanto si sente proprio il bisogno di un altro tipo di compagnia! I camerieri volevano metterci a un tavolino sperduto vicino al palco ma è bastata un'occhiata di fuoco per tirargli fuori un'altra proposta... tra le alternative il mio occhio di falco (e diciamolo pure, alquanto desideroso di fare nuove conoscenze) ha subito adocchiato il tavolino accanto al calcetto balilla... Due ragazzi occidentali erano lì, e a dirla tutta non mi sembravano neanche malaccio, ma prima di comunicare la lieta novella ad Ale volevo esserne sicura (viste le sfighe nel campo, meglio non illudersi mai troppo). Loro sembravano non vedessero due ragazze da una vita, senza alcuna discrezione ci hanno osservate mentre prendevamo posto, noi abbiamo aspettato tornassero a giocare per scambiarci un'occhiata complice e incredula: non erano niente male!!! Proprio due bei ragazzi, sicuramente tedeschi, alti, carini, bei fisici, ben vestiti, insomma... Sarà vero??? Non ci hanno messo molto ad avvicinarsi e noi a scoprire che erano davvero tedeschi, e a iniziare una conversazione.

Adesso uscirà fuori il mio spirito mangereccio eh, ma sarò linda e pulita: mi sono illuminata quando ci hanno detto di avere a casa una scorta di Nutella, cioccolata Milka, pesto e altre prelibatezze!!!! Ero talmente commossa che mi luccicavano gli occhi. Spero non abbiano pensato che era per il mangiare.

La serata è trascorsa in modo piacevole, a parte le mille chiamate della cozza che alla numero 28 si è stufata e ha lasciato perdere, e a parte il fatto che i nostri amici non si son visti. Siamo un po' preoccupate che siano entrati, ci abbiano viste al tavolo con altri due, e abbiano pensato di non disturbarci. Insomma, va bene, ma non vogliamo perdere la loro amicizia per sta cosa! Se due ragazze escono da sole, è abbastanza normale che qualcuno si avvicini, o no? Soprattutto se si tratta di occidentali che si avvicinano ad altri occidentali. C'è una specie di cameratismo qui, perché rispetto a città come Pechino o Shanghai gli europeri sono pochi, quindi tendono a cercarsi tra di loro, e a fare gruppo.
Anyway, siamo tornate tutte contente, e con un appuntamento per domenica! I due sanno pure cucinare, quindi stai a vedere che qualcun altro cucinerà per noi, oltre agli amici cinesi...?? Così, Gaijina rischia di impigrirsi!!!

Ragazze, che dire? Non voglio troppo urlare ai quattro venti i fatti miei, non voglio essere giudicata male da chi legge, ma ci tengo troppo a mettere per iscritto certe esperienze di vita, e credo che questi mesi rimarranno nella memoria come uno dei periodi più importanti della mia vita, quindi bando alle paranoie! E' vero, sarei qui per studiare cinese, e ammetto che non mi sto impegnando quanto dovrei (per lo meno non in classe, ma l'ho detto, il corso è inutile), ma sto maturando moltissimo, e acquisendo una nuova consapevolezza di me. Questo credo sia importante. Sarò sempre la solita Gaijina complessata e che non si piace e che cambierebbe tutto si sé, quella che si vede grassa e non vuole essere fotografata di profilo per via del naso né frontalmente per le orecchie, che teme il momento di mettersi in costume e che si detesta per tutti sti problemi che non dovrebbe farsi, ma spero durante questi mesi di riuscire a fare pace con me stessa e ad accettarmi così come sono, e in questo può aiutarmi anche il fatto di uscire con la mia amica e finire la serata in compagnia. O no?? Poi, so di essere un caso perso, e per Ale vale lo stesso, ma magari impareremo a volerci un po' più bene e a credere un pochino di più nella nostra femminilità. Speriamo!! La speranza è l'ultima a morire, dicono!!

Adesso mi preparo per andare da Michelle a fare i baozi, con le ultime forze che mi rimangono e gli occhi pesti e gonfi di sonno... (qui ho appuntamento fisso con la luce del sole alle 5 del mattino, quindi poco conta che io sia andata a dormire alle 21, o alle 4).

Un augurio a tutte di buona giornata e buon 25 aprile!


Ps. Ho trovato questa foto e mi è piaciuta un sacco, la dovevo proprio copiare... Eccoci qui, io e Alessia, amiche, complici e sghignazzanti... Alla prossima!!

Indovina chi viene a cena? Rosti di patate e cipolla

Ieri sera avevamo ospiti a cena: Gao, Evan e un altro loro amico, ovvero i ragazzi cinesi che ci hanno invitate a cena una volta e che ci hanno accompagnate in svariate commissioni. E cosa vuoi preparare, se non gli internazionalmente famosi spaghetti al pomodoro?

Adoro queste occasioni, perché mi permettono di chiudermi in cucina e di dedicarmi a una delle mie attività preferite, e che mi mancano di più. La nostra cucina qui non è attrezzata, abbiamo dovuto comprarci il minimo indispensabile per nutrirci, e sapendo di doverlo lasciare qui, ovvimanete non ci abbiamo speso molto... così abbiamo solo due paia di bacchette, una forchetta, due piatti, una pentola, una padella e un padellino. E una tazza (perché l'altra l'abbiamo usata qui), che va ad aggiungersi ai due bicchieri trovati in casa. C'est tout! Ah già!! Poi abbiamo un solo fornello, perché l'altro non va. E niente forno. Quindi, non posso sbizzarrirmi più di tanto. Per di più stiamo tentando una dieta, e Ale non ama i cibi elaborati, conditi, o comunque con soffritto o troppo saporiti. Quindi quando ci sono ospiti sono le uniche occasioni in cui posso prendere il tagliere, tritare la cipolla, soffriggerla in un filo d'olio (l'olio qui costa un macello, quindi in ogni caso lo dovremmo usare con molta parsimonia anche venisse a cena il Presidente della Repubblica in persona!), e cuocere un sugo semplice.



Stavolta almeno avevo un po' di prezzemolo e basilico da aggiungerci, anche se li abbiam trovati solo secchi, e strapagati per di più.



Il commento è stato "The smell is really good" e poi "It's so delicious", e non ci sono stati avanzi.

Poi per secondo non volevo ripetere il rotolo di frittata, anche se gli ospiti erano diversi... Io non ce la faccio più a cucinare e mangiare sempre le stesse cose, insomma!!! Così ho tentato una ricetta che era da tempo che volevo provare...

ROSTI DI PATATE E CIPOLLE

Li ho fatti alla come mi viene, non disponendo di una padella con coperchio utilizzabile e col fondo già rovinato e dovendo cuocere quasi senza olio...

Ingredienti:
4-5 patate già lessate con la buccia
rosmarino
1 cipolla tagliata finemente
sale
pepe (non ce l'avevo)

Grattuggiate le patate, o fate finta di avere una grattugia e simulate i pezzettini... Poi aggiungete la cipolla.



Mettete un po' d'olio in una padella, poi versateci il composto e fatelo rosolare, mescolando di tanto in tanto; poi salate, pepate e aggiungete il rosmarino.





Lasciate cuocere schiacciando le patate con una spatola, e lasciate cuocere coperto per una decina di minuti. Poi in teoria sotto dovrebbe essere tutto ben abbrustolito, quindi dovreste ungere il coperchio e girare la frittata per terminare la cottura. In pratica, ieri è successo un gran pasticcio: avevo messo troppo poco olio in padella, quindi le patate si attaccavano sempre, poi il coperchio ha il pomello che si stacca e i bordi in fuori, quindi non si può usare per far scivolare la frittata, fatto sta che quando ho tentato di girarla sotto era ancora pallidissima. Ho pacioccato alla grandissima cercando di schiacciare bene le patate tra loro (cosa difficilotta, devo dire...), poi alla fine mi sono altamente rotta, e ho diviso il tutto in tante frittatine. Da divise le ho girate meglio, anche se non bisogna avere fretta, e infine i rosti erano pronti!



Sì lo so, l'aspetto è penoso, ma non ne potevo proprio più, e poi ho pensato che tanto erano cinesi e non potevano sapere che i rosti avrebbero dovuto essere diversi.

Fatto sta che ce n'era uno a testa, e hanno detto che "I think it's wonderful, really delicious!". Allora gli abbiamo detto di finire gli ultimi due, ma hanno rifiutato, chiedendo però di scattare una foto. ?????

Alla fine è venuto fuori che per i cinesi non è educato fare il bis o finire il cibo, né mostrarsi troppo affamati. O dio santissimo!!! Gli ho cortesemente spiegato che non può esserci complimento migliore per una cuoca che vedere spazzolato via tutto ciò che ha cucinato. I rosti sono spariti.

Gentilissimi, avevano portato un vino di riso (che ho dimenticato di fotografare) e della frutta. Qualche pera, e poi questi cosi





dei meloncini in miniatura! Molto buoni e dolci! E poi, sono così cariniiiiiiiiiiii!! Loro non li hanno mangiati perché hanno detto che dopo aver mangiato cibi così 'delicious', quelli non gli sarebbero più sembrati così buoni... Ragazzi, ragazzi... Dovreste venire in Italia per trovare qualcosa di veramente buono!!! In quel momento, ho davvero sentito la mancanza della mia cucina di casa. E va beh...!

Ma non è finita qui: poi Gao, il cinese belloccio studente di Ale, nonché ballerino, ci ha deliziate con una piccolo pezzo di danza classica cinese... Io e Ale abbiamo tirato un lungo sospiro, e abbiamo pensato alla sua ragazza di Tianjing.

Mercoledì si sono proposti per venire da noi a cucinare loro qualcosa di cinese... Abbiamo già chiesto loro se potremo fotografare e loro si sono dimostrati ben contenti e per nulla infastiditi (sono solo io che non sopporto che qualcuno mi guardi mentre cucino???), quindi preparatevi che ne vedremo delle belle!!!


Domani torneremo da Michelle, sempre a fare i jiaozi, e poi a fare i baozi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Evvaiiiiiiiiiiiiiii yuppieeeeeeeeeeeeeee!!! Così appena torno mi metterò al lavoro!!!!

Adesso però scappo perché dobbiamo recuperare la serata buca di mercoledì... Ah, non ve l'ho detto? La parata della marina era giovedì mattina presto, così la sera prima erano tutti a nanna, e noi abbiamo vagato desolate per la città per non trovarne neanche uno.... Che tristezzaaaaaaaaaaa!!! In compenso però abbiamo scoperto che domenica torna Kevin, il cinese affascinante... :D:D:D
Corroooooooooooooo!!!

Wednesday, April 22, 2009

Il mio luogo è in riva al mare... dove passano i marinai ;P!!!

Era questo quello che aspettavo? Sono due mesi ormai che sono qui, un mese esatto che ho traslocato dal dormitorio, e due mesi che tento di fare una dieta decente per perdere quei chili che mi porto dietro da prima di Natale. Tutto inutile, nonostante qui io non abbia possibilità di sfornare dolci e quindi di mangiarne in abbondanza, nonostante qui mangiamo tutto bollito e quasi esclusivamente verdura, frutta, petto di pollo, baozi, jiaozi e patate dolci, nonostante camminiamo moltissimo, e nonostante usiamo il nostro grande salone per fare ginnastica. Non capisco proprio perché non sono affatto deperita, ma anzi mi vedo lievitare ancor di più. Ho sempre fame e una gran debolezza addosso. Che sia l'aria cinese? La cosa buffa è che quando andiamo al Carrefour a pesarci risultiamo aver perso qualcosina, ma i pantaloni la dicono diversamente.

Tuttavia, oggi ho deciso di andare a correre. Ieri i nostri amici cinesi ci hanno portate a vedere un posto nuovo, vicino al mare. La giornata era splendida e tutto sembrava ancora più bello. Siamo andati a camminare sulla spiaggia, che non era pulita, ma era bella lo stesso, e poi c'era odore di mare, e io adoro il mare.
Oggi la giornata non era altrettanto bella, ma poteva andare, così siamo andate a correre. Abbiamo cominciato subito di buona lena per via del vento freddo, che ci spingeva ad andare veloci per scaldarci il più possibile. Abbiamo preso il viale lungomare, a destra la spiaggia e l'oceano, a sinistra il parco verdeggiante e curatissimo, e dietro le montagne. Stavo benissimo, sorriso sulla faccia nonostante lo sforzo fisico, che non sentivo affatto. Dai bimbetti che imparavano a camminare sulla spiaggia, ai gruppetti di pescatori sugli scogli, alle gazze ladre che volavano basse tenendo stretto nel becco il loro tesoro... Tutto era di una tale pace e tranquillità che non potevi non sentirti meravigliosamente e sorridere alla vita. Il tempo non era splendido, erano le 17 e il sole iniziava ad abbassarsi, ma c'era una luce bellissima, quasi bianca, che però rendeva tutto pulito, limpido, fermo. Sembrava di essere in una dimensione parallela, nonostante non fossimo così lontani dalla strada principale, eppure tutto era così... così... calmo e rilassante!! E non mancava certo la gente!! Un sacco di persone per il viale, o sulle spiaggette, o in bicicletta, eppure non c'era alcuna sensazione di confusione o affollamento. Su una spiaggetta c'era un nonno col nipotino, e il bambino giocava ai giochi semplici di una volta, con un bastone di legno segnava dei disegni per terra. Che profumo d'infanzia! Che bella la semplicità! Ero talmente intenta a godermi tutto quanto la vita mi stava offrendo in quel momento che non ci siamo accorte che il tempo era passato in fretta, e noi stavamo ancora correndo, fresche e per niente stanche. Amerò questo posto, lo so già. Io penso che ogni paese, ogni città, abbia un luogo, particolare, capace di accalappiare il cuore delle persone. Ognuna ha il proprio, lo sente dentro, lo fa suo. Credo che a Qingdao il mio posto sia quello, l'ho capito da come mi sono sentita viva e fortunata mentre ero lì. Prima di partire avevo immaginato certi posti, come sarebbe stato, che città fosse Qingdao; ma l'unico posto che riuscivo a vedere nella mente era l'immagine di me che andavo a correre, fino ad arrivare in un posto da cui vedevo il mare, mi sedevo lì, chiudevo gli occhi e lasciavo che il vento portasse via i pensieri che affollavano la mia testolina... e da grande romantica quale sono ovviamente pensavo al mio Vj.
Beh, il posto in realtà non è proprio come l'avevo immaginato, ma diciamo che può andare. Sarò lì che mi rifugerò quando le cose andranno male, se dovessi sentire il bisogno di star sola, o di pensare, o se sarò arrabbiata e avrò bisogno di sfogarmi. Correrò fino a stancarmi, poi mi siederò e osserverò l'oceano, quanto è grande, quanto è bello. Vedrò le gazze svolazzare e chiederò loro di portare via con sé anche i miei pensieri brutti, e di lasciarmi solo quelli allegri e felici. Mi rialzerò e mi sentirò bene, e allora tornerò a casa.

Ci tenevo a scrivere le sensazioni di oggi, perché per me sono state importanti. Sentivo il bisogno di qualcosa che mi scuotesse e mi desse nuova energia, e forse finalmente l'ho trovato.

Stasera io e Ale abbiamo un programmino... Usciremo di nuovo solo noi due, e andremo in cerca dei bei marinai di ieri!! Senza più nessuno che ci accompagni e possa scoraggiare chicchessia dall'avvicinarsi. Insomma... il parco va bene a dare energia, ma forse è un po' troppo astratto come motivazione, no? I bei marinai sono sicuramente più concreti, anche se meno poetici!!! ;););)

Insomma, ragazze... anche la vosra Gaijina è fatta di carne e sangue, nonostante i mille pensieri!!! Perciò adesso vi saluto, e corro a prepararmiiiiiiiiiiii!!!!






Ehm ehm cough cough... mirtillina lo so te l'avevo già chiesto ma non sono sicura di ricordarmi... Com'è che devo fare per caricare i video da Youtube?? Perché qui in Cina Youtube non si può vedere (causa censura), quindi non sono sicura di aver fatto quel che volevo... Mi fai sapere please???? :D Gaijina smemorina!!!!



Monday, April 20, 2009

Tra cena russa e bei marinai

E cena russa sia!! Ieri siamo andati al Kalinka, il ristorante russo qui a Qingdao, in occasione del mio compleanno. Appena siamo entrati ho esclamato "Che meraviglia!!!", perché sembrava di essere entrati nella casa delle bambole!!! Tutto molto tipico, raffinato, elegante ma semplice, molto molto bello. Ho iniziato a fare foto a tutto il locale, persino alla cameriera vestita coi costumi tradizionali. Peccato che la foto sia venuta scura.











Lo devo dire: le foto non rendono giustizia al locale, ma sono venute così, e a dirla tutta mi vergognavo anche un po' a girare e fotografare tutto... Anche perché c'era il proprietario seduto a un tavolo e la cosa mi inibiva. Così ho ripiegato sui piatti, e su qualche particolare alle pareti, che ho fotografato nei momenti di distrazione generale, quatta quatta.







Dunque l'usanza vuole che si mangi accompagnandosi con la vodka pura. Visto che qui stiam conducendo una vita all'insegna della parsimonia, e che i nostri due amici non sembravano intenzionati a offrire (tzé, dove è andato a finire lo spirito di ospitalità di Kazakisthan e Kirghizisthan?), abbiamo declinato l'offerta. Loro però hanno insistito dicendo che se non avessimo preso la vodka non avremmo potuto dire di essere state al ristorante russo... E allora vodka sia!
Ci hanno portato dei piccoli bicchierini con vodka fruttata, da bere al goccio prima di mangiare l'antipasto: ovvero due insalate tipiche russe, una molto molto salata, l'altra più simile a quella che conosciamo noi in Italia, ma molto migliore (a me quella italiana non piace).









Funziona così: bevi al goccio e poi subito dopo metti in boca un boccone salatissimo... Più o meno come si fa con la tequila-sale-limone, avete presente?
L'insalata numero due aveva pezzetti di patate, pesce crudo, forse barbabietola e maionese o qualcosa di simile.

Poi sono arrivati i piatti principali: jiaozi russi per me e per Ale (ravioli ripieni di carne accompagnati da verdure a formaggio fuso),



polpette patata al cartoccio per Timur





e crepes con marmellata per Jean (ma non dovrebbe essere un dolce???).



E poi, ovviamente, vuoi non ordinare un dessert?
Anche se pienissime, abbiamo ordinato solo noi due... Uff... questi ragazzi mangiano così poco!!! Beati loro che ce la fanno... Ecco qua il nostro dolce, che abbiamo diviso per amore di decenza...





Tutto buono, ma i ravioli cinesi rimangono i migliori!!

Poi siamo andati al New York Club, il locale preferito di me e Ale... Detto sinceramente eravamo stanchissime, perché dovevamo ancora recuperare il sonno della notte di venerdì (non mi ricordo, ho raccontato della nostra Ladies' night?), ma appena han proposto 'New York Club' abbiamo acconsentito nella speranza di vedere Kevin, il cinese affascinante della prima volta. Ahimè, lui non c'era, ma all'entrata il mio cuore ha avuto un colpo: un tizio bellissimo come mai avrei sperato di vederne qui in Cina, non so di dove, nè cosa facesse lì, so solo che continuavo a girarmi per guardarlo imbambolata come una pera cotta mentre Timur mi spingeva dentro il locale. Ma accidenti!!! Poi appena entrati altro attimo di panico: un sacco di bei ragazzi, molto dei quali in divisa della marina!!!! Oddiooooooooooooooo io ho un debole per le divise!!! Insomma, ero a bocca aperta e non sapevo più da che parte guardare, pensavo solo che accidenti che sfiga eravamo insieme ai nostri amici e quindi nessuno si sarebbe avvicinato, mannaggia a loro!!! In pratica il 23 aprile comincerà la festa della Marina militare avente come tema "Acque armoniose", in occasione del 60° anniversario della fondazione della marina militare cinese. In questo giorno, la marina cinese e le delegazioni delle forze navali provenienti da oltre 30 paesi come gli Usa e la Russia terranno una parata in mare. Wooooooowwwww!!!!
Per tutta la sera sono stata uno spirito inquieto, pensando a come raggiungere il bellissimo di sotto e nel frattempo rifarmi gli occhi con tutti i bei marinai americani. Ma quando siamo usciti... noooooooooooooooooooooooo la mia visione celestiale non c'era più!!! Se non fossi rimasta imbambolata a guardarlo come una babbuina senza darmi da fare, accidenti a me!!! Comunque adesso basta, domani andremo di nuovo da sole nello stesso posto, senza ragazzi vari che potrebbero scoraggiare chicchessia ad avvicinarsi. La divisa per Gaijina è proprio irresistibile.

Tanti auguri a meee e la torta non c'èee :(

Stamattina mi sono svegliata con un tempaccio orrendo, accidenti! Ho aperto le tende e non si vedeva nenache più l'oceano, che tristezza... Che disdetta, ma proprio oggi??? Io che volevo uscire, visitare qualche zona della città, mettermi in maglietta e occhiali da sole e sprizzare energia primaverile da tutti i pori!!
Invece niente, un vento incredibile rovina tutto... speriamo che almeno porti via le nuvole! Cioè, ad essere precisi le ha portate via, solo che soffia talmente forte che poi ne arrivano altre!
Fatto sta, che apro la porta della mia camera per andare a fare colazione, e che mi vedo davanti ai miei piedi, allegramente posati su tappetino? Due pacchetti!!! Due pacchetti regalo per me!!!


Ebbene sì, oggi è il giorno del mio 24esimo compleanno!! Non sono più proprio una giovincella, anche se di anni ne dimostro appena sedici. Mi colpisce il pensiero che, quando ero bambina, vedevo le 24enni come donne fatte, spesso sposate e col primo bambino, e immaginavo me stessa alla stessa età, nelle stesse condizioni. Adesso i mjei anni li ho davvero, ma la situazione è ben diversa... Non so ancora cosa fare della mia vita, non ho una relazione stabile, sono fuori casa, in Italia c'è la crisi, al giorno d'oggi non è possibile conquistarsi l'indipendenza a cui uno sarebbe pronto, per motivi puramente economici. E quindi? Cosa mi devo aspettare dalla vita? Cosa mi riserveranno i prossimi mesi, i prossimi anni?

Ma ora basta con questo filosofeggiare, anche se comincio a essere vecchiotta, è pur sempre un giorno di festa!!! Dicevo dei regali! Uno è... indovinate cosa?? Un libro di cucina cinese!! Tempo fa eravamo andate alla Città dei libri, che è un posto qui a Qingdao pieno zeppo di volumi di ogni tipo! Saranno cinque piani... bellissimo, il mio mondo!!! All'entrata c'erano un sacco di libri di cucina, e io non riuscivo a scegliere, ma mi ero ripromessa di ripassare. Ovviamente Ale non l'aveva dimenticato, e così è andata col suo studente a prendermene uno.
L'altro regalo è... beh... quasi un controsenso!! Lo dico, perché siete quasi tutte fanciulle, per di più anche voi a dieta, a quanto leggo nei vostri blog, per cui potete capire. Da quando siamo arrivate stiamo cercando disperatamente di perdere i chili messi su negli ultimi mesi (tra baldoria, tensione pre-laurea, preparazione tesi, feste di Natale, etc...). In teoria dovremmo averli già persi abbondantemente, visto che qui NON posso cucinare dolci, e che mangiamo sempre con molta attenzione (quasi esclusivamente verdura bollita, baozi, jiaozi, carne e pesce, e frutta). Per di più abbiamo cominciato a fare ginnastica nel nostro salone, e camminiamo moltissimo, eppure... Sì, qualcosina abbiamo perso, ma proprio poco!! Guardiamo le foto e ci disperiamo della nostra mole raccappricciante!! Forse sarà il cambiamento di abitudini, o non so cosa, fatto sta che i risultati tardano ad arrivare. Poi ci manca un pezzo importante delle nostre solite diete: lo dirò sottovoce... (...un anticellulite...)!
Qui in Cina o le cinesi non ne hanno bisogno, o se ne strafregano, fatto sta che era una cosa a cui stavamo rinunciando. Ma stamattina nel secondo pacchetto c'era proprio un prodottino di bellezza (orecchini, intimo e prodotti da corpo sono il mio debole)! Quindi da domani si inizierà sul serio!


Intanto però stasera andiamo a festeggiare al ristorante russo coi nostri amici! Ne approfitterò per fotografare tutti i piatti, ovviamente!!

Ne approfitto anche per ritirare il premio che mi ha assegnato Cristina qualche settimana fa... quale occasione migliore per riceverlo, e ringraziarla??


Ragazze un grosso abbraccio a tutte e buona nuova settimana!!!


Ps. Giusto per la cronaca, non ce la faccio a non dirlo... Indovinate chi mi ha scritto stamattina, per la prima volta da quando sono partita?? Sì, proprio lui... Mi ha detto che ha finito il libro, e che voleva ringraziarmi ancora, perchè è meraviglioso... Non ha accennato nulla agli auguri di buon compleanno, quindi è stato proprio un caso che mi abbia scritto oggi... Che coincidenza!!! :D


Friday, April 17, 2009

Superba cena cinese, ovvero i baozi migliori del mondo!

Vi ricordate che la scorsa settimana eravamo state invitate a cena da uno studente di Ale? Bene, visto che lo studente vanta un aspetto niente male e un fisico tutt'altro che cinese, siamo state ben contente di accettare! Lui è venuto con un amico che... va beh lasciamo stare, comunque era simpatico. Fatto sta che il motivo per cui sto scrivendo di questa cena è che è stata la cena cinese più buona che io abbia mangiato fino ad ora! Siamo andati in un posto che noi non conoscevamo, e abbiamo ordinato 4 tipi diversi di baozi, per poterne assaggiare il più possibile. Gao (lo studente) ha preso i wonton, e così abbiamo cominciato. Ho fotografato tutto quanto, perchè era tutto così carino e così finemente cinese che ho subito pensato che dovevo assolutamente condividerlo con le mie amiche blogger!!

Ci hanno portato subito il the al gelsomino, che era buonissimo! Anche non zuccherato, davvero delizioso!



Poi finalmente sono arrivati loro... i baozi e i jiaozi!!! Ovviamente nel loro affarino carino in cui li avevano cotti a vapore... Che il ristorante fosse valido lo si nota da alcune piccole accortezze... vedete ad esempio la carta su cui sono appoggiati? Serve a non farli attaccare e quindi rovinare quando li si prende con le bacchette!



Ce n'erano pochini, ma li ho fotografati tutti! Alle verdure e ai tre sapori...



Alla carne e pesce... favolosi!



E il meglio del meglio... al pesce



... e ancora al pesce e qualcos'altro...



Uno spettacolo!!! Ma anche un'ingiustizia, così buoni e così pochi!! Noi avremmo volentieri preso un altro piatto, ma temevamo che il posto fosse troppo caro per le nostre tasche, e se avesse offerto Gao ci sarebbe spiaciuto per lui.
Alla fine così è stato: ha offerto lui, perché in Cina non esiste assolutamente che le ragazze paghino o che si divida!!! Povero Gao, ci ha ordinato altre due tortine da farci assaggiare, che per lui erano fantastiche, e che riunivano la cucina occidentale e quella cinese...



E per offrire a noi, lui è rimasto con la fame, povero!!! Queste tortine non mi sono piaciute, nonostante il suo entusiasmo, e avrei mangiato solo la sfoglia. L'interno era stranissimo, doveva essere carne ma era dolce!!!! Insomma... preferisco le nostre solite torte salate!

Poi ovviamente è stato il turno del dolce... Uno lo abbiamo preso scegliendo il più economico, ed era buonissimo... un quadrottino ripieno di the verde... davvero delizioso!



L'altro lo abbiamo scelto ascoltando il consiglio di Gao... Accidenti, di nuovo gusti diversi! Era un tazzone di boh... comunque, a base di fagioli rossi. Qui nei dolci li usano tantissimo.


Anyway, una cena superba... quei jiaozi mi hanno accompagnato per diverse notti in sogno... li vedevo ruotarmi intorno alla testa e io che cercavo disperatamente di acchiapparli al volo senza mai riuscirci... Mi chiedo come farò, in Italia, senza tante di queste prelibatezze. Non ne ho proprio idea!!
La nostra serata è stata piacevolissima, anche l'amico di Gao era simpatico, anche se un po' troppo apprensivo... ci ha spaventate alquanto a dirci che viviamo in un posto pericoloso perché non è in centro città ed è isolato e tranquillo, e che non dovremmo vivere da sole. Poi combinazione in quel momento ha squillato il telefono di Ale, ed erano dei ragazzi cinesi che ormai chiamano tutti i giorni senza dire chi sono ma facendo soltanto complimenti. Lei dice che saranno i suoi studenti, ma quello lì ha iniziato a metterci paura. Quando poi ha scoperto il nostro problema del bagno (in pratica, qui non esistono tapparelle, e nel bagno non ci sono tende, nè agganci per appenderle, quindi ogni volta che ci facciamo la doccia dobbiamo svestirci facendo bene attenzione e stare nascoste dietro il box, visto che abbiamo scoperto il vicino guardare nascosto dietro la tenda di casa sua...) è andato completamente in tilt, manco fosse lui a essere guardato!! Ha detto che non avremmo dovuto andare in giro con la gonna perché è pieno di malintenzionati. O mamma mia! Insomma... ci è parso un po' esagerato, soprattutto pensanso a come girano certe ragazze qui... le mie mutande più sexi coprono di più dei loro pantaloncini!! Fatto sta che adesso abbiamo raddoppiato le precauzioni anti-spioni e facciamo sempre in modo di farci venire a prendere e riportare sotto casa...

Accidenti quante cose da raccontare, il parco, la Old town, la ladies' night... e anche qualcosina del Vj, sì sempre lui. Non l'ho dimenticato e anzi temo il momento del mio rientro, perché non sono pronta a rivederlo e a sapere che ancora non mi vuole. Il mio amico mi tiene aggiornata e sembra che abbia un intrallazzo con una ragazza, anche se quando ho saputo chi è mi sono tranquillizzata perché la conosco anch'io, mi sta simpaticissima e so che sono amici di vecchia data. In ogni caso, faccia quel che vuole, solo mi chiedo cosa gli costi chiedere notizie direttamente a me piuttosto che al mio migliore amico. Ha finito di leggere "I pilastri della terra" (il mio libro preferito, quello che gli ho regalato per il suo compleanno), e ne è rimasto entusiasta. Nonostante tutto, non mi ha delusa.

A prestissimo con quel che manca delle ultime settimane!!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...