Thursday, October 22, 2009

L'insostenibile consapevolezza

Mi aveva fatta d nuovo arrabbiare. Stavolta proprio alla grande. Ho pensato che proprio non me lo meritavo e cercavo di trovare la forza per mandarlo a quel paese, una volta tanto... In pratica mercoledì mi chiama alle 19 per chiedermi se ho già cenato, alla mia risposta negativa mi chiede se ho voglia di andare a cucinare per lui e Jack, e di mangiare poi tutti insieme. Io ovviamente rispondo di sì, e chiedo cosa vogliono mangiare. La risposta è no carne, no pasta, no verdure. Mmh. Resta il pesce... Ero ancora al telefono e già sfogliavo il mio archivio personale alla ricerca di qualcosa di buono, pescioso e soprattutto veloce, vista l'ora... e per cui avessimo tutti gli ingredienti. Cado sul polpettone di tonno, che non ho mai provato prima ma mi sembra una buona scelta. Gli dico quello che mi serve, e lui mi chiede a che ora posso andare. Rispondo "Ok faccio una doccia e parto!". Apriti cielo! Ha cominciato a dirmi che se facevo la doccia poi sarei arrivata troppo tardi, che lui non voleva mangiare alle dieci, che aveva fame adesso. Poi quando gli ho detto che dopo saremmo andate al Qbar mi ha detto di lasciar perdere, di andar pure a divertirmi, che avrebbe cucinato qualcosa Jack. Mi ha detto che se volevo andare per vedere lui allora potevo andare, se volevo andare per cucinare potevo starmene a casa. Il tutto a voce alta, mentre di sottofondo sentivo Jack che rideva. Bello farsi trattare così davanti alla gente... Poi mi ha detto "Bye" e ha messo giù, senza troppi complimenti, lasciandomi di merda.

Io divento una furia. Le ultime volte che passavamo le serate da loro erano piuttosto noiosette, loro a farsi le loro cose sul computer e noi a stirarci la roba o semplicemente a stare lì, e non li avevano più nè visti nè sentiti da martedì sera. Mercoledì scorso sono andati al Qbar senza manco chiamarci, e stavolta che ci vogliamo andare noi loro pretendono che siamo a loro disposizione per servirli e riverirli! Quando ho sentito il telefono squillare io ho lanciato uno strilletto di gioia e già pensavo a cosa cucinargli che gli potesse piacere, e lui che mi urla contro mentre Jack ride in sottofondo e termina sbattendomi praticamente il telefono in faccia!

Uno stupido viziato, ecco quel che è! E non mi merito di essere trattata così, dopo tutte le carinerie che ho nei suoi confronti! Non gli chiedo niente, non pretendo nulla, non voglio un ruolo nella sua vita ma pretendo il rispetto!

Incazzata come una bestia vado al Qbar, alla ladies' night, con la voglia sotto le scarpe. Poi per fortuna mi sono guardata intorno! A parte che dopo lo spettacolo che abbiam dato l'ultima volta, un sacco di gente ci salutava, senza che noi sapessimo chi fosse, ma poi... c'era qualcuno di guardabile!!!! Pieno di bellissime ragazze, accidenti, ma anche qualche tipo carino!!!! Sìììììììììììììììì il miracolo si compie!!! Qingdao non è stata dimenticata!! Un tipo interessante ci ha pure fotografate, abbiamo trovato due italiani di passaggio, poi altri bellocci... insomma, la serata stava andando meno male di quanto pensassi! Poi guardo il telefono... chiamata persa. Lo richiamo... mi chiede com'è il Qbar (prima non ci voleva venire), e se c'erano ragazze carine, io gli dico di sì, che è pieno di gente nuova, e lui mi dice ci vediamo fra un po'.
Serata rovinata... dopo un po' arriva, e manco saluta. Ma che tipo del cavolo!!! In ogni caso per me era ora di andare, lavorando il giorno dopo, quindi, visto che IO sono beneducata, lo raggiungo, lo saluto e me ne vado. Lui mi ferma e mi dice "Tomorrow you cook ok?". Gli rispondo che sì, se ha la cortesia di dirmelo il giorno prima, magari la cosa è fattibile... Poi vado a casa.
Dopo un po' lui si connette e mi scrive. Alleluia! Era parecchio che non chattavamo più così. Mi dice che si fida di me, e che vorrebbe qualcosa di buono, visto che venerdì parte per due settimane (AAAARRRGGGHHHH!!!!!). Poi mi chiede se venerdì lavoro, e se quindi non posso dormire da lui. Io gli dico che posso, ma devo saperlo prima per portarmi il materiale di scuola, e che dovrò alzarmi presto. Lui mi dice "Ok poi vediamo", mi augura la buonanotte e io me ne vado a letto, più leggera.

Giovedì, cioè ieri, torno a casa dal lavoro e mi metto subito a preparare il polpettone, pensando che voglio prevenire altri capricci e discorsi del tipo "voglio mangiare qui e subito!", poi la ricetta prevedeva parecchio tempo di assestamento in frigorifero per cui mi son portata avanti... Poi avevo bisogno di rilassarmi e chiudermi in cucina da sola a pasticciare è l'unica cosa che funziona... ogni tanto ho bisogno di prendermi dei momenti solo per me.
Alle 18 il signorino chiama Ale, e poi lei me lo passa. Lui è gentilissimo, mi dice scusa ho chiamato Ale perchè pensavo lavorassi fino alle 6! Allora, cosa devo comprare? Cosa prepari? Quando venite? Gli ho chiesto di cominciare a sbucciare le patate ma la risposta è stata "Fate prima voi ad arrivare e a sbucciarle che non io a cominciare adesso"...
Ci siamo preparate e siamo andate. Un Sako nel suo lato migliore... Felice, di ottimo umore, adorabile. Pure Jack era pimpante. Ci siamo messe in cucina, Sako ha aperto una bottiglia di vino per noi, ci ha dedicato una canzone, mi abbracciava, mi spupazzava come una bambola... Poi io gli ho detto di tutto. Gli ho detto che mi aveva fatta arrabbiare da morire la sera prima, che non si deve permettere di trattarmi così perché non me lo merito, e lui a ridere col fratello, come ogni volta che io mi incazzo. Ma insomma!! Fatto sta che poi mi son sentita una cretina visto che lui, tenerissimo, mi abbracciava, mi riempiva di bacini e bacetti e mi diceva "Ma che motivo avrei mai io per prendermela con te e trattarti male?". Mi ha detto che scherzava, che Jack era a terra a ridere durante la telefonata, e che non devo mai, mai, mai prenderlo seriamente, che lui scherzava! Bel modo del cavolo! Io sono una che sta allo scherzo, ma non mi sembrava proprio fosse così divertente sentirsi urlare in faccia e poi buttare giù il telefono... Insomma... mi ha detto che lo sapeva che mi ero arrabbiata, e che non devo farlo, che non ne ho motivo, etc. E di nuovo giù di bacini bacetti abbracci stritolamenti vari e spupazzamenti dei miei capelli già in condizione precaria.

Abbiam mangiato, abbiam bevuto vino, abbiam guardato un film. Tutto è stato apprezzato, soprattutto la compagnia. Poi è arrivato Hovig, e giù a ridere perché si è messo a fare il verso a Felix (coinquilino di Sako), di cui vogliono liberarsi perché alle 22 di sera va a dormire e vuole silenzio e alle 7 di mattina attacca la musica per allenarsi al suo kung-fu. Peccato non aver avuto la macchina fotografica!! Poi Jack e Hovig cercavano di convincere Sako ad andare al New York bar, e lui non voleva, diceva che stava passando una serata romantica (e mentre lo diceva indicava me e il vino), che il giorno dopo sarebbe partito per Shanghai, e poi parlava di massaggio... Alla fine l'han convinto, così abbiamo fatto un giretto fino al New York. Poi io e lui siamo tornati a casa sua. Finalmente!! Io mi ero portata tutta la mia roba quindi ho dormito lì. Stamattina sono andata via alle 8, l'ho salutato mentre era ancora a letto mezzo addormentato, e gli ho lascato la caffettiera con un bigliettino di istruzioni... Temo oggi a tornare a prendermela, son sicura che me l'ha distrutta, viste le sue scarse attitudini verso tutto ciò che riguarda il mondo culinario, eccetto l'alcool, il salame e il formaggio, che basta tagliare a mangiare.

Certo che la mente umana è strana. Quando l'ho conosciuto fisicamente non mi piaceva neanche, era l'unico del gruppo che mi sembrava 'almeno decente'. Non mi piaceva il suo odore, e il suo accento arabo cantilenante mi irritava da morire, perché mi dava l'impressione che mi prendesse in giro ogni volta che mi rivolgeva la parola. Quando eravamo insieme faticavo a trovare qualcosa da dire, non riuscivo a dormirci insieme perché russava.

Adesso mi piace, e mi sorprendo a guardarlo e a pensare "Com'è bello oggi!" (lol). Quando sento il suo odore sento un brivido lungo la schiena perché lo riconosco come suo. Al suo accento mi sono abituata, mi fa ridere e mi fa tenerezza. Passerei il mio tempo con lui anche senza niente da fare o da dire, perché non sento il bisogno di essere altrove. Adoro dormire insieme a lui, lo farei sempre! A parte che il suo letto è meraviglioso, ma poi è la prima volta che riesco a dormire beatamente con un'altra persona. Io in genere mi muovo nel sonno, e spesso mi alzo di notte per andare in bagno, e non voglio braccia o gambe altrui nel mio spazio... mi fa sentire soffocata, e in genere sono scomoda. Con lui ci ci addormenta abbracciati, e ci incastriamo perfettamente, non so perché. Ieri sera avrei voluto una fotografia dall'alto, eravamo così carini!!!! Lui che mi abbracciava come fossi sua, e io che lo tenevo stretto, ancorandomi al braccio che mi cingeva. Poi nel sonno ognuno va per i fatti suoi, ma appena uno dei due si sveglia, va a cercare l'altro, sempre. Lui si sveglia facilmente, ma si riaddormenta subito, quindi mi posso alzare quando voglio senza sentirmi troppo in colpa per averlo svegliato. E' molto affettuoso, si gira, mi riabbraccia e si riaddormenta. Oppure io torno dal bagno e lo abbraccio da dietro, al che lui mi prende la mano e se la tiene al petto. Che bello che è cercarsi, e trovarsi. In questo lo devo dire, Sako batte tutti.

Pensare a 15 giorni senza di lui mi causa stati d'ansia e depressione profonda. Pensare che a febbraio, quando io avrò le mie uniche vacanze, lui sarà in Thailandia con chissà chi mi causa atroce gelosia e attacchi di panico. Cosa mi sta succedendo?? No, lasciate perdere, non lo voglio sapere. Preferisco non sentirmi sbattere in faccia l'amara verità.


8 comments:

  1. Ciao tesoro, come stai?? Ah questo Sako, hai davvero tanta pazienza. Io uno cosi non lo potrei proprio sopportare. Secondo me non é giusto che ti torturi, sei cosi giovane e "legandoti" a lui ti neghi altre esperienze. Se ti preoccupa la sua partenza parlane con lui. Magari durante le sue e tue di vacanze ti schiarirai le idee. Ti abbraccio!!

    ReplyDelete
  2. ciao ciccina certo che sto benedetto Sako te ne dà di filo da torcere!!! quanta pazienza ci vuole con gli uomini!!! un bacione.

    ReplyDelete
  3. ciao ciccina certo che sto benedetto Sako te ne dà di filo da torcere!!! quanta pazienza ci vuole con gli uomini!!! un bacione.

    ReplyDelete
  4. Ciao piccolina, non so cosa dirti, ma è bello leggere le tue avventure d'AMORE.....
    baci
    cristina

    ReplyDelete
  5. ........................ ma!!!!!

    comunque è vero, ci vuole taaaaaaaaaanta pazienza.....

    ReplyDelete
  6. Che pazienza che hai tesoro..io sono "elettrica"..troppo!ahah

    ReplyDelete
  7. EH guarda.... mi sono fatta domare, accidenti a me! una volta ero elettrica anch'io!! mandavo a quel paese senza tanti complimenti!!

    ReplyDelete

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...