Monday, February 2, 2009

Cena a tre - parte prima: ANTIPASTI - Pizzette e tartine tonno e formaggio

Fra meno di un mese partirò, prenderò un aereo che mi porterà lontano per sei mesi, volerò dodici ore allontanandomi dalle persone più care, verso un nuovo mondo, nuove persone, nuove abitudini ed esperienze che spero mi arricchiranno e mi daranno una marcia in più per affrontare la mia vita futura. E' bello che così tante persone mi chiedano di dedicare loro una serata, desiderino offrirmi una cena, siano dispiaciute per la mia partenza. La mia amica, che verrà con me, ieri mi ha chiesto se ho mai dei dubbi a proposito di questo viaggio, se mi capita di pensare che avrei preferito partire non in questo ma in un altro momento. E' una domanda che in effetti anche io mi sono posta. Se penso al periodo cominciato a settembre 2007, durato mesi e i cui effetti sono stati percepibili ancora fino a fine agosto 2008, in cui avrei solo voluto partire, senza che m'importasse nulla del dove né del quando né per quanto, in cui avrei voluto sparire e andare lontano, per evitare di vedere soffrire per causa mia la persona più importante della mia vita, per assecondare i suoi desideri, per fargli un ultimo favore. Ma ho dovuto restar qui, a scontare la mia punizione fino in fondo. A ottobre, quando ho ripreso in mano la mia vita, e ho deciso di renderla migliore, è finalmente cominciato un periodo splendido, ricco, emozionante, il più intenso fino ad ora, in cui ho riscoperto persone fantastiche, ho riallacciato i rapporti con altri, ho scoperto cosa voglia dire davvero soffrire per amore. Potessi, tornerei indietro per riviverlo altre mille e mille volte ancora. A novembre, mi è capitato di pensare "Ma che sfiga, proprio adesso che va tutto così bene bisogna partire??? Non poteva capitare un anno fa???", senza comunque mai smettere di anelare questo viaggio, a cui ormai mi preparo da anni.
Ma adesso sì, sono impaziente di partire. La discussione della tesi (sarà il 17!!!) per me è quasi solo una formalità, l'unica cosa che si frappone tra me e la partenza. Ho bisogno di andare via per imparare la rassegnazione, per diventare forte davvero, per credere di più in me stessa e per dimostrarmi che ce la posso fare. Ne ho bisogno per capire chi a me ci tiene davvero, e che cosa mi auguro di trovare nella mia vita, e che cosa sono disposta a fare per cercarlo. Non posso sapere come andrà, per esperienza di altri posso dire che i viaggi, anche se iniziano male, alla fine si rivelano sempre come esperienze meravigliose, e al momento di tornare non si ha nessuna voglia di partire. Spero che sarà così anche per me, in ogni caso so che sarà importante, la prima cosa veramente grande che faccio nella mia vita da adulta. Mi auguro un grosso in bocca al lupo, a me e ad Alessia, perché possiamo ricavare il meglio da questa esperienza.

Ho divagato, chiedo scusa. Il motivo per cui ho fatto questa lunga premessa è per raccontare della serata di sabato sera, una delle serate più piacevoli che io abbia mai passato in compagnia. Tra gli impegni di quest'ultimo mese, uno al quale tenevo molto era la cena coi miei due amici, quelli che ho riscoperto da ottobre scorso, e con cui ho condiviso quotidianamente i miei pensieri e le mie emozioni di questo periodo. Loro sono due persone meravigliose, e sabato sera è stata la dimostrazione che esiste l'amicizia tra uomo e donna, e che è bellissima.

Dopo la cena, che adesso illustrerò, abbiamo giocato con la Wii tutti e tre insieme, e posso dire che mi sono fatta onore nel tennis, nel golf, a baseball e a bowiling!!
I miei amici mi hanno trattata come una vera principessa: mi son venuti a prendere con una macchina lucidissima dentro e fuori; poi quando siamo saliti dopo cena mi hanno fatta accomodare sulla poltrona nuova fighissima, quella che basta che spingi un po' la schiena e va giù e si alza il poggiapiedi... avete presente le poltrone di Chandler e Joey di Friends?? Ecco... la versione nuova!!
Poi abbiamo giocato un sacco, loro erano particolarmente allegri perché avevano bevuto un bel po' di vino rosso da soli, perché io prendendo l'antibiotico ho preferito evitare. Insomma.. abbiamo riso tantissimo e ci siamo proprio divertiti! Alla fine sono tornata a casa dopo le 04,30. Felice e soddisfatta!

Il programma era che io avrei cucinato per loro, a casa di uno dei due, visto che i genitori non ci sarebbero stati. Io non stavo benissimo, ho avuto un po' d'influenza, ma mi sono presa molto cura di me per questa cena, in modo da non doverla rimandare. Ho cominciato a cucinare da sabato mattina e ho preparato tutto quanto (avevo 6 borse!!) da portare via, in modo che fosse solo da cuocere nel forno a casa sua. Io ho bisogno delle mie cose per dare il meglio, e poi i suoi se ne sarebbero andati solo dopo le 19. Ho fatto le cose per benino, impegnandomi al massimo, e ho stampato dei piccoli menù, che ho avvolto a pergamena con dei nastrini colorati. Ecco qui il menù della nostra cenetta e la tavola pronta (era una cena informale, eh, e la tavola era già pronta quando sono arrivata, quindi non ci ho messo mano!):

Nel contenitore giallo c'erano delle mozzarelline di bufala che prepara il papà del mio amico... buonissime!





Il coperto...



Ma adesso passiamo finalmente ai piatti. Come aperitivo ho preparato delle semplici pizzette di sfoglia, che piacciono a tutti e sono ottime! Non c'è nessuna ricetta, solo pasta sfoglia pronta, condimenti a piacere, e via in forno! Era la prima volta che le facevo e sono venute buonissime!!!! Con due dischi di sfoglia ne sono uscite 39, e dopo l'aperitivo io personalmente sarei stata già a posto così!



Ho deciso di saltare il primo, perché se avessi fatto le lasagne com'era l'idea iniziale, avremmo mangiato solo quello, invece così abbiamo gustato più cosine.
Il secondo antipasto/aperitivo avrebbero dovuto essere delle tartine con una crema di Philadelphia e tonno emulsionati col minipimer, che avrebbe dovuto portare il mio amico. Lui ha portato tutto l'occorrrente per farle all'ultimo, ma poi eravamo così pieno che alla fine non le abbiamo né preparate né mangiate. Vi ho scritto lo stesso la ricetta perché è davvero buona. Ma non so le dosi, credo si faccia tranquillamente a occhio e ad assaggio, a seconda dei gusti. Ho scoperto da poco una sorta di cracker davvero buoni, leggeri e squisiti, che abbinati a questa salsina stanno benissimo! Li abbiamo sperimentati a capodanno. Hanno un nome buffo, qualcosa come "Finestrotti", e si trovano all'Auchan.









Non posso postare tutta la cena perché il post verrebbe troppo lungo, ma programmo la pubblicazione automatica per i prossimi giorni!! Mancano ancora il secondo e i dolci...! Non perdeteveli perché il dessert era qualcosa di veramente fantastico!!


10 comments:

  1. buonissime le pizzette! a quest'ora poi... :-)

    ReplyDelete
  2. Fare un viaggio lungo certamente ti arricchisce credimi , hai questa opportunità di fare nuove esperienze , incontrare nuove persone e metterti in gioco confrontandoti con loro. Secondo me è importante per un giovane sia maschio o femmina affrontare tutto questo perchè un giorno nella vita si renderà conto di quanto gli sarà servito. Ti posso solo augurare di viverla a pieno questa tua nuova avventura con grinta e serenità ...un bacione!

    ReplyDelete
  3. Cara Gaijina,
    nel leggere i tuoi post così pieni della tua vta ... man mano mi sono affezionata a te e ti vedo come una sorta di sorelina minore, io sono figlia unica e ne avrei tanto voluto una, quest'ultimo tuo mi ha fatta commuovere, lo so può sembrare sciocco ... ma al pensiero che tra poco partirai, anche se non ci conosciamo, non ci sentiamo ... mi sembra di sentire già la tua mancanza ... ma sono felice ed entusiasta per te!!! hai ragione quando dici che sicuramente questo viaggio sarà un'esperienza importante ed unica, ti cambierà un pochino, ti troverai ad affrontare situazioni nuove, in un posto lontano da casa tua, crescerai ... piccola mia, crescerai, ma stai attenta sempre a te, non perdere di vista ciò che più conta per te!
    ora basta perchè non voglio fare prediche pure a te ... e poi mi sta per scendere la lacrimuccia e invece abbiamo ancora un pò di tempo no? e poi non troverai uno spazietto per il tuo blog, per aggionarci ogni tanto anche dall'altra parte del mondo?
    ok, allora aspetto i post con lealtre ricette di questa magnifia cena perchè l'antipasto mi sembra un'ottima premessa!!!
    ti abbraccio forte
    dida

    ReplyDelete
  4. voglio una pizzettaaaaaaaaaaaaa!!!! in bocca al lupo eh!! un bacione!

    ReplyDelete
  5. Vedrai che psserai un periodo bellissimo nella terra lontana...tornerai davvero arricchita! Buonissime le pizzette...che carini i tuoi amici! Baci

    ReplyDelete
  6. di mio,ti consiglio di prendere quanto piu'possibile da tutte le esperienze che ti si parano
    dinanzi....in bocca al lupo ;)

    ReplyDelete
  7. Che belle le cene con gli amici, quelli veri, buone le pizzette...attendo il resto della cena

    ReplyDelete
  8. Sarà sicuramente un viaggio indimenticabile... vivitelo a fondo...! ti rubo una pizzetta!!! kiss

    ReplyDelete
  9. Mi associo al pensiero di Mary....con un grandissimo bocca al lupo sincero...^.^

    ReplyDelete
  10. MICAELA: così semplici e pure così una tira l'altra... fantastico!

    MARY: grazie mille per l'incoraggiamento, la penso anche io come te, e la grinta e l'entusiasmo non mi manca!! aspetto da troppo tempo questo viaggio e ho lavorato sodo per poterlo fare, quindi ora voglio che ricavarne il massimo!

    DIDA: oh, cara... siamo in due a commuoverci! sei sempre stata davvero protettiva e attenta nei miei confronti, mi ha sempre fatto bene leggere i tuoi commenti, saresti stata una sorella maggiore meravigliosa! grazie, grazie di tutto... ma certo, continuerò a condividere le mie peripezie d'oltremare!

    SARA: anch'ioooooooooooooooo!!! non ti dico prima di andarcene sabato sera volevo mangiare l'ultima ma non le abbiamo più trovate... mi è rimasta ancora la voglia!!crepi il lupo!

    LAURA: sì, ne sono sicura... ti aggiornerò, prometto, perché se dovessi trovare una buona occasione passerei anche a fare una visita al gaijin in giapponia, mentre sono nei "dintorni"... so che ami questo paese quindi.. vedremo, vedremo! sì sono stati fantastici!!! sono fortunata ad averli incontrati!

    MIRTILLA: Grazie mirtilla!! ma certo, farò così senz'altro! crepi ancora il lupo!

    SARA: sì, è stata una cena tra amici molto particolare e diversa dalle solite, ma davvero splendida! sto già pensando al menù per quella che faremo quando sarò tornata e ci rincontreremo! perfetto, a domani e dopodomani allora!! in tre giorni dico tutto!!

    MAYA: sììììììì è vero non vedo l'ora!! già che ci sei ne rubi una anche per me? le ho lasciate a casa del mio amico... ;)

    NADIA: grazie cara fedele lettrice!! e crepi nuovamente il lupo! (povero lupo... ;)!

    ReplyDelete

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...