Thursday, October 23, 2014

Torta di mele Accademia

Me la ricordo ancora questa torta... Credo sia una delle più buone che abbia fatto. So che era particolare, e aveva qualcosa che... superava le aspettative che di solito si hanno verso le torte di mele più tradizionali. Era diversa, ecco. Senza nulla togliere a tutte le altre torte di mele, che per me parlano di casa, mamma, nonne, e manine appiccicose, ricordo che questa era stata una piacevolissima sorpresa...


Con questa ricetta
partecipo al contest
di RicetteDalMondo.it


Una bella iniziativa visto che considero la torta di mele una ricetta che sa di nonne, molto tradizionale e personalizzabile, ma sempre buonissima e genuina! E poi, mi viene subito in mente Cappuccetto Rosso e le favole della mia infanzia... A voi no?





Ingredienti:

250 g pasta sfoglia (io ho usato un disco di sfoglia della Vallé)
700 g di mele
70 g uvetta sultanina
1 cucchiaio di succo di limone
100 g zucchero
2 uova
1 bustina di vanillina
1 dl di latte
1,5 dl di panna fresca
1 cucchiaio di farina

50 g burro
50 g zucchero
1 uovo

Sbucciate le mele, e tagliatele a cubetti. Irroratele col succo di limone e lasciatele macerare assieme all'uvetta.
Intanto sbattete le 2 uova coi 100 g di zucchero e la vanillina: deve diventare un bel composto spumoso. Aggiungete il latte e la panna, poi il cucchiaio di farina, infine le mele con l'uvetta.
Stendete la sfoglia in una tortiera di diametro 26 cm, bucherellate il fondo con una forchetta, e versatevi il composto. Livellate e infornare a forno preriscaldato a 180° per 30 minuti.

Sciogliete il burro a bagnomaria, lavorate l'uovo con lo zucchero a spuma, aggiungetevi il burro fuso e versate il composto sulla torta, poi rimettetela in forno per altri 15 minuti.


Dedico questa torta di mele ad Alessia, la mia migliore amica, proprio colei che mi ha regalato il libro da cui l'ho tratta. L'aveva colpita e mi aveva chiesto di farla, e così... eccola qua!

In effetti, alla lettura ho subito pensato che fosse una ricetta molto particolare... Sarà la presenza della sfoglia, o la cremina spumosa da metterci sopra...
Le mie aspettative non sono andate deluse! Emanava un profumo delicato e avvolgente per tutta la casa! Morbida, morbida che di più non si può...

Comunicazione di servizio: la torta l'ho finita ieri sera dopo cena, e stamattina ne è rimasta meno di metà. Mia sorella quando la mangia sembra un animale affamato e quindi... beh, provatela!!



No comments:

Post a Comment

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...