Tuesday, May 8, 2012

(Florida) Key Lime Pie

Una delle cose di cui mi ha parlato il Professore per convincermi a trasferirci a Miami (come se ci volesse loto, a convincermi…) è questa torta, tipica delle isole Keys da cui prende il nome, che sembra essere la soluzione migliore a un pomeriggio caldo e umido, così rinfrescante, buona, dal forte sapore di lime e dal profumo di estate, mare, sole.
Proprio quello che ci voleva per l'inizio dell'estate e per accogliere con entusiasmo un nuovo viaggio, un'altra prima volta, in un posto che mai avrei pensato di visitare a breve. E invece, signori e signore, giovedì mattina saremo su un aereo diretti a niente di meno che…. Honolulu!!!!! Conoscerò così il "cognato", che vive a Maui. Zaino in spalla, sarà un'altra vacanza avventurosa e degna di un dettagliato resoconto al ritorno. Promesso. Ma, per il momento, godetevi questa Key lime pie!

Key lime pie  meringue 2

Quando ho ricevuto in regalo i lime da Hong Kong, è stato il mio primo pensiero. Peccato però che questi key limes sono più piccoli dei limes normali, e per fare una tazza di succo ce ne volevanomolti più di 6. Fortuna ha voluto che al Carrefour, proprio in questi giorni, ci fosse uno stand di ragazze tailandesi che promuovevano i frutti esotici delle loro parti, così ne abbiamo subito approfittato! Per stare a spremere di meno, però, abbiamo optato per i limes normali.
Ho seguito questa ricetta, scegliendo la meringa come topping, e la torta e' venuta abbastanza bene, molto cremosa, e asprissima. Buona, per carità, ma un po' esageratamente limonosa. Ma il potenziale era alto così sono tornata al Carrefour dalle ragazze Thai e ho comprato una trentina di limes tailandesi, piccoli piccoli, che hanno un profumo più delicato e dolce e persino il succo e' diverso. E ci ho riprovato, modificando la ricetta secondo quello che secondo me l'avrebbe resa perfetta. Beh, devo ammettere che è andata bene, che i lime hanno fatto un enorme differenza e che ho scoperto che il sapore dei limes, cuocendo la torta, diventa molto più forte. Quindi se si assaggia da cruda bisogna considerare che in cottura l'asprigno diventerà più marcato, e non esagerare.
Ecco il mio primo tentativo, la cui ricetta trovate qui (io ho usato uno stampo da 23 cm e 6 limes piccoli + 5 grandi).

Key lime pie  meringue 1

Come vedete e' rimasta molto cremosa, nonostante io l'abbia cotta molto più dei 15 minuti consigliati. Ho scelto di ricoprirla di meringa per far fuori gli albumi avanzati e perché mi sembrava più leggera. Si conserva benissimo in frigo per qualche giorno, e diventa di consistenza più solida; però la meringa rilascia un po' d'acqua che non e' proprio bella da vedere.
Al secondo tentativo, volevo risolvere il problema della consistenza, che a me piace più densa, diminuire un po' il sapore di lime, e risolvere il problema della meringa sciolta. Il Professore ha detto che era buona, ma il ripieno era molto aspro, e meringa e base troppo dolci. Così, prendendo nota di tutte le osservazioni e ben decisa a creare il key lime pie perfetta, ieri mi ci son rimessa.
Ecco la mia ricetta.

Ingredienti (stampo 23 cm)

per la base:
1 e ⅓ cup di Digestive
75 g burro sciolto
1,5 Tbsp di cocco
1 cucchiaio di zucchero

per il ripieno:
4 tuorli
1 lattina di latte condensato
0,75 cup succo di key lime (va a gusti, cosi viene ancora piuttosto forte, ma a noi ce piace!)
buccia grattugiata di 2 key limes piccoli

per il topping:
250 ml panna da montare
2 Tbsp zucchero a velo
Preparate la base tritando i biscotti e poi amalgamandoli col cocco, lo zucchero e il burro fuso. Rovesciate il tutto nello stampo ben unto su fondo e bordi e schiacciate bene per creare una base bel livellata, compatta e coi bordi abbastanza alti.

Key Lime pie 1

Cuocete in forno a 180 gradi per 10 minuti, poi togliete dal forno e lasciate raffreddare.
Nel frattempo preparate il ripieno, sbattendo bene i tuorli, unendo il latte condensato, sempre sbattendo, la buccia e il succo a piacere. Assaggiate per capire se e' di vostro gradimento, poi rovesciate il tutto sulla base e cuocete a 180 gradi per circa un quarto d'ora (come dice la ricetta), molto di più se avete un forno come il mio. Insomma se scuotete la teglia il ripieno non dovrebbe quasi muoversi. Considerate che raffreddandosi si addensa ancora un pochino.
Lasciate raffreddare, poi mettete in frigo per parecchie ore o per tutta la notte.
Al momento di servire, potete montare la panna con lo zucchero al velo finché è ben ferma, poi potete decorare la torta con una tasca da pasticcere o, se non avete molti ospiti o non avete voglia di fare un lavoro di fino, potete montare la panna, conservarla in frigorifero, e usarne un cucchiaio per accompagnare la torta ogni volta che la servite.

Key Lime pie 2

Key Lime pie 4

KEY LIME PIE

Ingredients:

for the crust:
1 ⅓ cup graham crackers or Digestives
5 Tbsp butter, melted
1,5 Tbsp shredded coconut
1 Tbsp sugar

for the filling:
4 egg yolks
1 14 ounces can condensed milk
the zest of 2 let limes
½ to ¾ cup (according to how tart you'd like it to be) of key lime juice

for the topping:
250 ml whipping cream
2Tbsp powdered sugar

Start with the crust: crush the graham or the digestives and mix them well with the coconut, the sugar, and the melted butter. Pour the mix into a well greased 13' pan and press onto the bottom and up the sides. Bake for about 10 minutes at 350 F. Take it out of the oven, and let cool.
In the meanwhile, make the filling. Whisk the yolks until pale and fluffy, then add the condensed milk, always whisking, then the lime zest and juice. Pour the filling into the crust, and bake for at least 15 minutes (way longer for my oven), at 350 F, until the filling doesn't almost move if you shake the pan (consider that it will thicken a little while chilling). Let it cool and then refrigerate for several hours or overnight.
Beat the whipping cream with the sugar until stiff peaks form. You can store the whipped cream in the refrigerator, using it at the serving time, or you can decorate the pie with a star shaped pipe.

Key Lime pie 3

No comments:

Post a Comment

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...