Sunday, December 19, 2010

Pumpkin Pie… Ciack quarto

E’ incredibile come io non riesca più a mantenere gli impegni, dico che scriverò presto poi chissà come I giorni passano e io non solo non scrivo, ma mi dimentico pure le ricette che volevo postare e quello che volevo raccontare.
Quest’anno ho festeggiato il mio primo Thanksgiving!Essendo una grande appassionata di Friends, sognavo, un giorno, di partecipare a una di quelle mega cene a base di pietanze così diverse dalle nostre… enorme tacchino farcito, patate dolci, pumpkin pie…
A ottobre una sera abbiamo tirato fuori l’idea, poi io che ci tenevo particolarmente mi sono impuntata e ho impedito che venisse abbandonata. Abbiamo organizzato un vero e proprio programma organizzativo, assegnando le varie missioni: chi si sarebbe procurato il tacchino, chi avrebbe preparato lo stuffing, chi il gravy, chile yams, chi il dessert. E non potevo che essere io, la destinataria dell’ultimo?
Questa torta mi ha fatto sudare. Non avendo la scatoletta di polpa di zucca che usano tutti, in America, pensavo tranquilla ‘it’s not a big deal’, cuocerò la zucca. la cuocerò a vapore, o al micro, o al forno, così che non si formi l’acqua ma anzi si asciughi. Non sto a raccontare tutte I miei tentativi, dico solo che la prima volta ho seguito una ricetta classica, e la torta era ok, solo troppa noce moscata, il ripieno non ancora raffreddato (e acquoso, per colpa della zucca), che andava a bagnare la crust e a farla ammosciare. Ma l’hanno finita I miei 3 ospiti dopo le empanadas.
Per il Thanksgiving, alla fine siamo riusciti, con una botta di culo, a trovare la scatoletta. Fantastico, perché davvero, it’s a pain in the ass cuocerla da sè.
Il problema però l’ho avuto con la pasta. Incredibile. Volevo seguire pari pari la ricetta originale, che A. mi aveva consigliato perché era quella sperimentata con numerosi successi da sua mamma, ma niente, non riuscivo a formare una palla che non mi si sbriciolasse tra le mani. Impossibile persino stenderla! L’ho rifatta tre volte.
Alla fine, fuck it!, ho pensato, userò la mia ricetta della pasta brisè. E basta. Ed è andata, non solo bene, ma mi è stato detto che era perfetta. Io ormai ero troppo stanca persino per prestarci attenzione, per di più alquanto disappointed perché non posso proprio dire che sia tra I miei dolci preferiti, e speravo che almeno una torta paradisiaca mi ricompensasse di tutti I sacrifici e il tempo speso, e invece no. De gustibus!
Ma via, ora, alla ricetta! Se becco quella giusta, che dopo tutte ste peripezie, finisce ancora che vi do quella sbagliata.
P1040287
Ingredienti (per una tortiera da 23-24cm:
per la crust:
200g di farina
100g di burro freddo a pezzi
50ml di acqua fredda
1 pizzico di sale
per il filling:
1 pacchetto di biscotti (io ho usato le Marie, vanno bene)
2 uova
1/2 cup zucchero
brown sugar
1 teaspoon cannella in polvere
1/2 teaspoon sale
1 lattina da 15 oz di polpa di zucca
12 oz di panna
per l’accompagnamento:
1/2 cup di panna da montare
1
tablespotablaspoon zucchero
1/4 teaspoon cannella
Per prima cosa fate la pasta, lavorando rapidamente prima la farina con il sale e il burro; quando il composto diventa sabbioso, aggiungete l'acqua e impastate, formate la palla, avvolgetela nella pellicola e lasciate riposare in frigorifero per almeno 30' (ricetta di Tania).
Quando la pasta è pronta, stendetela nella teglia, facendo un bordo piuttosto alto. Sbriciolate i biscotti e fate uno strato all’interno dell’involucro (questo per impedire che il ripieno vada a bagnare la pasta sottostante).
P1040283
P1040284
Io a questo punto ho infornato per qualche minuto, per far indurire almeno un pochino la base (calore solo sotto, parte bassa del forno, tempo a occhio, sorry, sto diventando come mia nonna).
Intanto preparate il ripieno, sbattendo prima le uova con le fruste elettriche, poi aggiungendo tutti gli altri ingredienti. E anche qui, devo dirlo: ci ho messo lo zampino. Aggiungi un po’ di qui, togli di lì, alla fine ho stravolto la ricetta, assaggiando e in base al tentativo precedente.
La ricetta originale la trovate qui. Io ho cambiato la crust e nel ripieno ho eliminato semi di garofano e zenzero, e ho utilizzato sia zucchero bianco sia brown sugar, e ho aumentato la cannella. E ho aggiunto un pizzico di noce moscata (andateci piano, perché tende a coprire tutti gli altri sapori). E non avendo l’evaporated milk ho usato la panna e un po’ di latte normale.
P1040285
P1040286
Insomma, poi riempite il guscio col ripieno, e cuocete a 180°-200°, per circa 45 minuti, ma controllate spesso e, se necessario, spostate la teglia nei vari ripiani a seconda della necessità.
P1040290
Fate raffreddare, ficcate in frigorifero, e al momento di servire sistemate sopra ogni fetta un ciuffetto di panna montata con cannella e zucchero.
P1040308
A voi!!
P1040311

6 comments:

  1. ecco io adoro la zucca ma nella torta proprio non mi ispira.. caspita però quanto è bella la tua complimenti!! spero che il tuo Thanksgiving sia stato come lo sognavi guardando friends! un bacio

    ReplyDelete
  2. La zucca in versione dolce non l'ho mai provata... dicono che sia buona ma... boh?? non mi ispira poi tanto!
    E poi quella scatoletta non l'ho mai vista da queste parti..
    Wow il thanksgiving!! Come te ho iniziato a sognarlo guardando Friends... chissà se mi capiterà mai l'occasione?? ^_^

    ReplyDelete
  3. PASTICCIONA: lo so... e figurati che invece in america la mangiano solo in questa torta!!!! beh il civo del thanksgiving è assolutamente fantastico!!!! solo che essendo tutto nuovo per me ho fatto la fogna e son stata male per ore!!! la solita!!!

    YAYA: anche a me la zucca piace di più salata, ma la otrta era meglio di quanto immaginassi,. però per me niente a che vedere con una bella torta al cioccolato o simili!!!

    ReplyDelete
  4. mmm la torta mi ispira ma come dici tu non sarà mai come una torta cioccolatosa ... ma io volevo sapere come procede con il prof bear? si sta comportando bene il ragazzo? facci sapere perchè altrimenti veniamo lì a picchiarlo!

    ReplyDelete
  5. ALESSANDRA: :).... tu pensa al tuo pancione che la rabbia non fa bene!!! il professore si comporta benone... ma non è un periodo facile e adesso sono io che devo stargli vicino. ma non mi lamento affatto ;)

    ReplyDelete
  6. Ma che bellaaaaa....a me invece ispira...io adoro la zucca e il suo sapore dolciastro e particolare :)
    purtroppo da me non si trova facilmente...figuriamoci la polpa di zucca in scatola...fantascienza XD...ma cercherò di risolvere in qualche modo...questa la devo assolutamente assaggiare :P
    A presto :)
    ciao ciao

    ReplyDelete

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...